Bambina colpita da tetano nel veronese: non era vaccinata

Bambina colpita da tetano per una sbucciatura su un ginocchio: non aveva la vaccinazione obbligatoria.

Lo scorso giugno la bimba era stata ricoverata in condizioni gravissime nel reparto di Terapia Intensiva all’ospedale di Verona. I sintomi accusati erano da infezione da tetano che la piccola aveva contratto cadendo e sbucciandosi un ginocchio. La bambina non era stata sottoposta a vaccino obbligatorio, così come specifica il legale della famiglia, non per questioni ideologiche ma perchè in famiglia vi erano stati casi di intolleranze ai vaccini.

Il caso, tra l’altro non era stato neanche segnalato poichè la bimba in questione  frequentava e frequenta una scuola elementare privata non paritari. Ad aprire un fascicolo sul caso era stata la Procura della Repubblica ipotizzando a carico dei genitori rreati di lesioni gravissime a causa della mancata vaccinazione. In famiglia è presente anche un’altra figlia, più piccola, a sua volta non vaccinata.

Il dottor Biban, parlando di questo caso sottolinea che il tetano è una malattia che pone chi la contrae a rischiare per la propria vita. Il dottore specifica che “questo è stato il primo caso di tetano che ha visto nei bambini, e così molti medici come me”.

Il medico spiega che la malattia, essendo sistemica, attacca tutto il corpo partendo in modo subdolo e che le vaccinazioni obbligatorie garantisce la copertura dall’infezione.

Leggi anche: Un vaccino che potrebbe prevenire l’infarto, una scoperta importante, test clinici in corso


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.