Bambino di tre anni muore folgorato: mette in bocca il filo del cellulare

Aveva appena tre anni, un bambino curioso e vivace: ha messo in bocca il filo del cellulare mentre era attaccatto alla presa ed è morto folgorato.

Un bambino di appena a tre anni ha messo in bocca il filo del cellulare mentre era attaccatto alla presa ed è morto folgorato. È successo tutto in pochi secondi. Le abitudini sbagliate hanno portato alla morte il piccolo bimbo indiano. Il caricabatteria era nella presa senza il telefono, il bambino incuriosito ha trovato l’estremità del caricatore del cellulare e istintivamente lo ha messo in bocca, ha cominciato a masticarlo ed è morto folgorato.

Il telefono era dei genitori; la mamma era nella stanza accanto e ha sentito il rumore ed è subito corsa a vedere. Immediata la corsa in ospedale ma per il piccolo non c’è stato niente da fare.

Bambino morto folgorato mentre giocava a casa dei nonni

È morto folgorato venerdì scorso mentre giocava a casa dei nonni a Jahangirabad, in India.

È un’abitudine come quella di lasciare il filo del caricatore attaccato alla presa elettrica anche quando il telefono non è in carico. Bisogna stare attenti a tutto i bambini sono imprevedibili e curiosi. I bambini mettono in bocca qualsiasi cosa, non conoscono il pericolo, e hanno una curiosità e voglia di scoprire il mondo. È per questo che le attenzioni non bastano mai: “I pericoli sono dietro l’angolo.

Leggi anche: Bimbo di colore di Foligno: anche la sorellina fu discriminata, parla il papà

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”