Banca Popolare di Bari indagata per truffa ai danni di una donna di 84 anni

Ancora sulla Banca Popolare di Bari nel mirino della Procura per aver truffato i clienti.

Continua l’inchiesta sulla Banca Popolare di Bari che avrebbe svalutato le azioni dei propri risparmiatori accusando per truffa alcuni funzionari per il caso di un’anziana donna di 84 anni  che ha acquistato i titolo e ha visto svalutare il proprio capitale.

Banca Popolare di Bari truffa i clienti?

Secondo la procura, infatti l’anziana donna lo avrebbe fatta spinta da raggiri e i funzionari avrebbero approfittato della sua vulnerabilità spingendola ad acquistare prodotti ad elevata rischiosità per un valore di 130mila euro.

La teoria della Procura è sempre la stessa:  i funzionari della banca non “avrebbero sufficientemente informato il cliente dei rischi connessi all’acquisto dei titoli”. Truccando le carte  e “manipolato il questionario di profilatura del rischio della signora” per “porre le basi – si legge nei documenti firmati dal procuratore aggiunto Roberto Rossi – per la successiva collocazione di strumenti finanziari evidentemente inadeguati alle caratteristiche personali della persona offesa”.

La manipolazione, si legge, sarebbe stata quella di aver “alterato le dichiarazioni sulle strategie di investimento della cliente che nel 2008 dichiarava di orientarsi a favore di investimenti che le consentissero di proteggere il capitale e ricevere flussi di cassa periodici, costanti e prevedibili” e che poi invece successivamente si trovava con un investimento che si attendeva crescite significative “supportando forti oscillazioni di valore”.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.