Barefoot: i benefici del camminare a piedi scalzi

Si chiama Barefoot ed è una pratica fondata su esperienze e sensazioni derivanti dal camminare a piedi nudi. Si può approfittare della stagione calda e ritrovare un contatto con la natura, al mare o in meravigliosi paesaggi verdi. I benefici per l’organismo? Non solo mentali! Con il barefoot, si rafforzano articolazioni e circolazione sanguigna.

Barefoot: camminare a piedi scalzi fa bene alla mente e al corpo. Farlo nella natura, poi, restituisce al corpo energie positive ed allontana le emozioni negative. Ma quali sono i benefici per il corpo derivanti da una camminata senza scarpe?

Barefoot: i benefici per la mente

Quando si pensa ad una camminata a piedi scalzi, viene subito da pensare ai benefici che ne derivano per il benessere psicologico. Una camminata all’aria aperta ed in piena natura, può essere anche più piacevole se accompagnata da un contatto diretto con l’ambiente. Quanto può essere piacevole poi camminare, in piena stagione estiva ed in una calda serata di Agosto, a piedi nudi nella sabbia?

La mente si rigenera, l’anima sembra rinascere. Anche stress ed ansia vengono certamente in secondo piano con il barefoot. La pratica è conosciuta anche nei Paesi orientali, ma con termini diversi: gimnopodismo o scalzismo sono solo alcuni dei termini usualmente impiegati.

Barefoot: quali sono i benefici per il corpo?

Non bisogna dimenticare che è proprio sui piedi che grava l’intero nostro peso corporeo. Il Barefoot si basa su questo concetto. La camminata scalza migliora certamente la postura; molto spesso è consigliata dai pediatri per i bambini. IL barefoot, per i bambini, riduce persino gli effetti del così detto “piede piatto”. Molte attività che coinvolgono il corpo, come lo yoga o il pilates, si praticano proprio a piedi scalzi.

Le scarpe tendono, infatti, ad ostacolare il normale movimento dei piedi e a risentirne è proprio la postura, oltre che la muscolatura. Un altro importante beneficio del barefoot è poi il miglioramento della circolazione sanguigna, specie per chi si trova in uno stadio più avanzato della vita.

La corsa a piedi nudi:

Non sono di barefoot si parla ultimamente. Si stanno, di fatto, moltiplicando i casi di svolgimento di un’altra disciplina a piedi scalzi: la corsa senza calzature.  In questo caso si parla di “barefoot running”, una disciplina che però divide gli esperti tra coloro che ne ostentano i profondi benefici e chi invece sostiene la necessità di evitarlo. In alternativa, è possibile utilizzare calzature minimaliste, rinunciando tuttavia al contatto diretto con il suolo e con la natura.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Giulia Curiale

Penso che scrivere sia il modo più immediato per far conoscere se stessi agli altri, per poter mettere a nudo le proprie emozioni o i propri pensieri. Scrivere vuol dire comunicare attraverso un canale a sè, unico e, per questo, speciale. Sono Giulia, ho 25 anni e sono laureata in Giurisprudenza. Amo l'healthy food, la vita salutare, lo sport, ma la mia curiosità mi spinge a interessami praticamente ad ogni aspetto più svariato. Scrivo, perchè scrivere è un'esigenza!