La stangata delle sigarette: scatta un aumento fino a 40 centesimi a pacchetto

Scatta l’aumento alle sigarette, dall’Agenzia della Dogana e dei Monopoli arriva la lista. Una bastonata per i fumatori? Un passo avanti verso la salute?

È scattato l’aumento delle sigarette. Un duro colpo per i fumatori che stamane si sono risvegliati con l’aumento delle care “bionde”, e non di poco circa 40 centesimo al pacchetto. L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, hanno diramato la notizia direttamente sul sito istituzionale dedicato.

Sigarette in aumento, ma quale?

C’è da dire che non tutte le marche di sigarette subiranno l’ondata della stangata, ma solo quelle appartenti al gruppo Philip Morris.

Sostanzialmente a subire una maggiorazione di prezzo sono le Philip Morris, le Diana Azzurra 100s, KS, SSL Blu, le Merit, le Chesterfield Blue 100’s, le Marlboro ecc.

Il prezzo oscillerà in funzione delle tasse

Ebbene sì, l’aumento sarà variabile in relazione all’etichetta, una legnata che oscillerebbe tra i 20 e i 40 centesimi al pacchetto. Le marche di sigarette che subiranno maggiormente la bastonata dell’aumento sono: le Marlboro, le Merit e le Philip Morris. Al momento, non sono previsti rincari superiori ai 20 centesimi per le restanti marche, coinvolte dall’onda degli aumenti ma in misura ristretta.

Per chiarezza è possibile visualizzare la lista dei marchi in aumento, direttamente dall’Agenzia delle dogane e dei Monopoli.

La battaglia contro i danni causati dal fumo

Acclarato la questione che i fumatori dovranno pagare di più per ogni pacchetto di sigarette, non ci resta che approfondire il tema sulla  “salute”. Infatti, valutando l’aumento sotto il profilo della salute, risulta essere una manovra per scoraggiare l’acquisto delle sigarette.

Sotto il profilo economico il rincaro delle sigarette apporterà dei notevoli incassi economici, una vera manna. Dall’altro lato, “forse” le persone presa coscienza dell’aumento, decidano spontaneamente di valutare gli effetti nocivi del fumo. Preservando la propria salute, e considerando di salvaguardare la salute degli altri.

Il fumo delle sigarette risulta essere un cancerogeno legalizzato, che colpisce indistintamente bambini, donne, uomini. Un’abitudine nociva che non riguarda solo il singolo soggetto, che si limita a fumare, provocando danni alla propria salute. Risulta essere addirittura una pratica scorretta, che coinvolge tutta la comunità per l’inalazione di sostanze nocive, ripercuotendosi in primis sui bambini.

Articolo correlato:

Sottocosto E Affare, L’ennesima Astuzia Dei Supermercati?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein