Birre ritirate dal commercio, sono 17 le marche contenenti detergenti: ecco la lista completa

Ministero della Salute ritira 17 birre tedesche in vendita in Italia per contaminazione da detergenti.

17 le marche di birre ritirate dal commercio per rischio chimico. Il Ministero della Salute lancia l’allarme sul sito nella pagina dedicata alle allerte alimentari nella sezione “Avvisi di sicurezza”, e annuncia un rischio chimico e il ritiro per 17 birre tedesche qui in Italia, c’è probabilità di rischio detergenti.

Andiamo a vedere i motivi del ritiro e la lista completa delle birre ritirate

L’allerta è stata lanciata direttamente dalla Germania attraverso il sistema RASFF e riportata dal portale del governo tedesco. Il richiamo è stato volontario dallo stesso produttore con sede in Germania. Il produttore precisa che la decisione del ritiro della bevanda è avvenuta durante un controllo di routine, che ha permesso di identificare un difetto tecnico e non ha escluso che nel prodotto ci possa essere presenza di impurità di agenti detergenti.

Ecco la lista delle birre Franken Brau ritirate:

1)Franken Brau Festbier

2)Franken Brau Pils

3)Franken Brau Naturradler

4)Franken Brau Schwarzbier

5)Franken Brau Urhell

6)Franken Brau LowenMalz

7)Franken Brau Apfelschorle

8)Franken Brau Cola

9)Franken Brau Cola Mix

10)Franken Brau Medium Tafelwasser

11)Franken Brau Classic Tafelwasser

12)Franken Brau Orange

13)Franken Brau Schwarze Johannisbeere

14)Franken Brau Sport Grapefruit-Zitrone

15)Franken Brau Zitrone Trub

16)Franken Brau Zitrone

17)Franken Brau Pils

Attenzione nel caso siete in possesso di una di queste birre, invitiamo il consumatore a riportarle dove sono state acquistate chiedendo il cambio del prodotto e il rimborso dell’importo pagato, non necessita di scontrino fiscale. Intanto vi invitiamo a non consumare assolutamente il prodotto, le birre contaminate di questo tipo possono causare lesioni.

Allarme birra ritirata in Europa: scoperta di detergenti contenuti al suo interno


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube