Blocco cartelle esattoriali, cancellazione Irap e proroga rate rottamazione, le ultime novità

Blocco delle cartelle esattoriali, annullamento Irap di giugno, proroga al 10 dicembre delle rate di rottamazione ter e saldo e stralcio, tantissime agevolazione nel nuovo decreto

Il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri ha annunciato il blocco delle cartelle esattoriali e lo stop del saldo e dell’acconto dell’Irap per le imprese da versare a giugno. Lo stop dell’Irap non è per tutte le imprese ma solo per quelle che hanno subito ingenti perdite di fatturato. Tante le novità messe allo studio, anche se i contrasti con la maggioranza non si placano e fanno slittare il Consiglio dei Ministri chiamato ad approvare il tanto atteso decreto. 

Cartelle esattoriali e stop Irap: tutte  le novità del decreto

Tanti i temi controversi allo studio e in conflitto con la maggioranza: si va dagli interventi in aiuto alle imprese, ai subbi sulle misura assistenziali alle famiglie per poi arrivare alla regolarizzazione degli migranti.

Accantonata la norma sul condono edilizio ma nel compenso spunta il taglio dell’Irap annunciato in Tv dal Ministro dell’Economia Gualtieri. Non si tratta di uno sconto ma di una vera è propria cancellazione dell’imposta Irap da versare il 16 giungo per le imprese che hanno un fatturato di almeno di 5 milioni che abbiano subito una perdita ad aprile di almeno il 33% del fatturato rispetto allo stesso mese di aprile nel 2019.

Per le aziende che non possono vantare questi fatturati, ma con importi inferiori, partiranno i contributi a fondo perduto fino ad un massimo di 62.000 euro sempre che siano in grado di dimostrare che il fatturato sia sceso almeno di un terzo. 

Anche le micro imprese saranno agevolate con un taglio degli oneri fissi: credito di imposta sui canoni di affitto e sconti sulle bollette. 

Blocco della Tosap per i ristoranti e bar sui tavoli all’aperto. Poi per tutte le imprese fino a settembre per il pagamento dell’IVA e delle ritenute fiscali e contributi Inps. 

Infine , il fisco avrebbe dovuto notificare alle imprese e ai cittadini a partire dal 1° giungo fino al 31 dicembre 2020 circa 8,5 milioni di notifiche di accertamenti, comunicazioni per bolli auto non pagati, avvisi bonari e doveva recapitare oltre 22 milioni di cartelle esattoriali. 

Ebbene, tutte le notifiche sono state bloccate e slitteranno nel 2021. 

Inoltre, proroga anche per le rate della rottamazione: la rata di marzo e maggio della rottamazione ter e saldo e stralcio si potranno pagare fino al 10 dicembre. 

Per i benefici economici, prestazioni previdenziali, assistenziali, finanziamenti e contributi, indennità legati all’emergenza Covid-19, basterà una sempre autocertificazione valida fino al 31 dicembre 2022.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”