BMW punta a raddoppiare le vendite di auto di lusso nel 2020

BMW punta a raddoppiare le vendite di auto di lusso nel 2020 per far fronte alle spese di elettrificazione

BMW ha confermato di volersi concentrare su modelli di lusso, quelli con il più alto margine di profitto, compensando così le elevate spese previste per l’elettrificazione della sua gamma.

Nel 2018, il marchio tedesco ha venduto 65.000 unità di modelli di lusso, mentre nel 2019 a poco più di due mesi dalla fine dell’anno, le vendite sono arrivate a circa 110.000 unità. L’obiettivo per il 2020 sarà portare le vendite al doppio di quelle registrate nel 2018 e cioè 130/140 mila. 

BMW punta a raddoppiare le vendite di auto di lusso nel 2020 per far fronte alle spese di elettrificazione

In particolare questa crescita nelle vendite di auto di lusso da parte di Bmw la si deve all’ottima accoglienza che stanno avendo sul mercato modelli del calibro di Serie 7, Serie 8 e X7.

Queste vetture grazie alla loro qualità e alla loro tecnologia hanno finito per  attirare clienti con un potere d’acquisto molto elevato, alimentando la domanda per questa categoria di modelli.

Le vendite di questi veicoli consentono un margine di profitto molto elevato, che viene reinvestito nell’azienda stessa che nei prossimi anni dovrà fare i conti con spese elevate per l’elettrificazione della propria gamma.

A proposito di questo successo di vendite di Serie 7, Serie 8 e X7, il responsabile del design di Bmw, Adrian Van Hooydonk, ha spiegato che i clienti hanno apprezzato molto le novità che queste auto sono state capaci di portare sul mercato grazie alle loro nuove generazioni.

Questa dunque sembra l’unica strategia possibile per la casa bavarese nel futuro prossimo. Bmw del resto spera di confermare anche nei prossimo anni l’obiettivo di un profitto dall’8 al 10 per cento.

Ti potrebbe interessare: La nuova BMW Serie 7 al debutto, ecco le novità


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp