Boeing 737 cade al decollo: 113 persone a bordo, 3 superstiti. La Farnesina è in contatto con l’ambasciata dell’Avana

Tragedia a Cuba: boeing 737 precipitato con 113 passeggeri a bordo, di cui 5 minorenni.

Ieri, 19 maggio in Cuba, subito dopo il decollo, il boeing 737 del volo DMJ 0972 diretto a Holguin, è precipitato con a bordo 113 persone di cui cinque minorenni.

Ecco cosa è accaduto

L’aereo è decollato dall’aeroporto Josè Martì dell’Avana e dopo pochi minuti durante la virata, come hanno dichiarato alcuni testimoni, è andato in fiamme.

Il boeing 737 è precipitato nella zona tra Boyeros e Santiago de las Vegas. A bordo c’erano 113 persone tra cui 5 minorenni, sono stati estratti vivi 3 persone in gravissime condizioni. I membri dell’equipaggio ne erano 9, tutti messicani.

La Damojh, low cost con sede a Guadalajara, aveva noleggiato il noeing 737 diretto a Holguin. La compagnia messicana Cubana de Aviacion, che si occupa della rotta “Avana-Holguin”, negli ulti periodi ha dovuto ritirare numerevoli aerei per problemi meccanici.

Il Presidente Miguel Diaz-Canel sul luogo dell’incidente

Il presidente Miguel Diaz-Canel, che è subentrato un mese fa a Raul Castro, si è recato sul luogo dell’impatto. Ha dichiarato che le vittime ne sono molte. La Farnesina è in continuo contatto con l’ambasciata dell’Avana per accertarsi che tra i passeggeri non ci siano nostri connazionali.

Il perché di queste tragedie

La compagnia di bandiera, Cubana de Aviacion è in un momento molto critico, in quanto a causa dell’embargo non riescono ad acquistare pezzi di ricambio per adeguare gli aerei.

Proprio in questi giorni il vicepresidente Salvador Valdes Mesa aveva incontrato dei funzionari di governo per mettere in evidenza questa situazione e cercare di trovare delle soluzioni.

Il presidente di Cubana, Hermes Hernandez Dumas ha reso noto che in questi ultimi periodi i passeggeri nei voli domestici sono aumentati notevolmente, e questo ha messo ancora più in crisi la società, anche se sono riusciti a migliorare la tempistica dei decolli.

Il capitano Hermes Hernandez Dumas sostiene che a causa dell’embargo commerciale degli Stati Uniti non sono riusciti ad acquistare nuovi veicoli e ricambi per gli aerei.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.