Bollette telefoniche a 28 giorni: rimborsi in contanti o servizi gratuiti, le novità

Il Consiglio di Stato ha preso delle nuoce decisioni sulla vicenda delle fatturazioni a 28 giorni dei servizi telefonici: Ecco tutte le novità

La vicenda delle fatturazioni bollette a 28 giorni da parte delle compagnie telefoniche non è ancora tutta conclusa, ma stiamo a buon punto. Il 22 maggio il Consiglio di Stato ha rigettato la sospensiva richiesta dalle aziende telefoniche nel procedere ai rimborsi, invitandole invece a predisporre un piano per i rimborsi.

Pierpaola Pietrantozzi, Segretario nazionale Adiconsum ha chiarito che la vicenda è tutt’altro che conclusa, infatti, il Consiglio di Stato ha fissato l’udienza per il prossimo 4 luglio.

Fatturazioni bollette a 28 giorni: cosa propongono le aziende telefoniche

Gli operatori telefonici stanno predisponendo delle offerte con dei servizi gratuiti da sottoporre ai consumatori, al posto dei rimborsi monetari. Ma è bene precisare che spetta sempre al consumatore decidere se farsi rimborsare con i contanti in bolletta o accettare un’offerta di servizi.

L’Adiconsum non è contraria alla possibilità che il rimborso possa avvenire offrendo ai consumatori dei servizi gratuiti in sostituzione del rimborso in contanti sulle prossime bollette. Ma per il consumatore deve essere ben chiaro che una volta accettato di usufruire del servizio non può far più richiesta del rimborso in contanti.

Doppia possibilità: rimborso o servizi gratuiti

Le aziende telefoniche, quindi, devono proporre sia la possibilità di ricevere un servizio gratuito, sia il rimborso in contanti in bolletta. Per questo l’Adiconsum ha chiesto all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) di vigilare. Affinché le procedure per ottenere i rimborsi siano uguali indipendentemente dalla loro tipologia.

Un consiglio da dare ai consumatori è quello di rivolgersi alla sede territoriale Adiconsum più vicina, per una giusta valutazione della proposta in base alle proprie esigenze.

Risparmiare sulle bollette luce e gas: l’unione fa la forza. Ecco cosa sono i gruppi d’acquisto

 

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.