Bollo auto 2018: ecco chi può richiedere la sospensione del pagamento

Bollo auto: vediamo in quali situazioni è possibile chiederne la sospensione oppure il rimborso.

Ci sono alcuni casi in cui è possibile richiedere la sospensione del pagamento del bollo auto. Ovviamente, considerando che la richiesta si fa su domanda, ci sono esatti passaggi da seguire.

Bollo auto: ecco come avviene la sospensione

Bisogna sapere che la sospensione del pagamento del bollo auto non viene effettuata automaticamente, ma bisogna farne domanda. In poche parole la tassa di possesso dell’auto non viene più pagata nel momento in cui non se n’è più in possesso. Bisogna, quindi, dichiarare la causa per cui si è perso il possesso, e seguire una serie di altri passaggi obbligatori. Vediamo di cosa si tratta.

Se l’auto è stata rubata, allora questa potrebbe essere una causa per richiedere la sospensione del pagamento del bollo auto.

sospensione pagamento bollo autoIn caso di furto, prima di tutto bisogna denunciare, dopodiché avvisare la compagnia assicurativa. Attenzione! È fondamentale dimostrare che la macchina è stata rubata, portando tutta la documentazione dopo la denuncia. Siccome il bollo auto è una tassa che va pagata alle Regioni, spesso viene rimborsata se l’auto è stata rubata entro i termini del pagamento. Da ricordarsi che bisognerà verificare tutte le disposizioni previste, che cambiano da regione a regione. Di solito si ha diritto al rimborso per i mesi per i quali il bollo è stato già pagato, ma durante i quali non si è potuto usufruire dell’auto, a causa del furto. Se invece avete fatto il pagamento del bollo auto dopo che la macchina è stata rubata, allora avete diritto ad un rimborso totale da parte della compagnia assicurativa.

Leggi anche:
Bollo auto 2018, possibile esenzione per 5 anni: ecco come richiederla

Un altro motivo per poter richiedere la sospensione del pagamento del bollo auto è la vendita della macchina. In questo caso si effettua un passaggio di proprietà. Automaticamente il pagamento del bollo auto spetta al nuovo proprietario della macchina.

Se invece la vendita della macchina è stata fatta al concessionario o rivenditore, il vecchio proprietario deve verificare se è stata effettuata la registrazione dell’atto di vendita nell’archivio del PRA e della Motorizzazione Civile. Questa verifica si può fare tramite una richiesta ben specifica solo dopo 60 giorni trascorsi dalla sottoscrizione del contratto.

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.