Bollo auto 2020: quale esenzione spetta per le auto storiche?

Quali sono i requisiti per beneficiare della riduzione del bollo auto? Cosa prevede la normativa per le auto da 20 a oltre i 30 anni?

Non tutti (forse) sanno che le auto che hanno raggiunto la soglia dei 30 anni d’immatricolazione possono godere dell’esenzione del bollo auto. Parliamo, delle auto storiche, per cui viene applicata la dispensa della tassa di possesso. Tuttavia, preannunciamo che non tutti i veicoli ventennali possono beneficiare dell’esenzione.

Bollo Auto 2020: l’esenzione per le storiche

In linea generale, la storicità della vettura parte con l’anno d’immatricolazione, il che significa che tutti i veicoli o motoveicoli con oltre 30 anni rientrano nell’esenzione del bollo auto. Il titolare della vettura per beneficiare dell’esenzione sulla tassa di possesso deve in primo luogo verificare la data d’immatricolazione indicata sul libretto di circolazione, oppure su altro atto ritenuto valido ai fini della determinazione della data di costruzione del veicolo che in ogni caso deve risultare anteriore alla data d’immatricolazione.

I proprietari dei veicoli con oltre 30 anni d’immatricolazione, sono tenuti al pagamento di una tassa d’importo fisso per la messa in circolazione su strada del veicolo. La potenza del motore del veicolo non concorre alla formazione dell’importo della tassa di circolazione, da versare annualmente senza vincoli particolari. Unica postilla, il titolare della vettura dovrà versare la tassa di circolazione prima della messa su strada del veicolo. L’importo potrebbe mutare in virtù della Regione di residenza.

Il titolare di un veicolo storico con circa 20 anni d’immatricolazione, non può richiedere l’esenzione del bollo. In sostanza, per le immatricolazioni dal 1° gennaio 2015 non spetta la dispensa della tassa di possesso.

Per i veicoli storici con oltre 20 anni, spetta l’esonero?

La Legge di Bilancio 2020 ha predisposto una norma attraverso la quale i veicoli con oltre 20 anni di costruzione possono richiedere la diminuzione del 50% dell’importo del bollo auto. Poiché rientrano nella categoria di veicoli storici e da collezione.

Per richiedere la diminuzione del bollo al 50% sulle auto e moto da collezione, è necessario che il certificato di rilevanza storica venga consegnato da un apposito registro, quali:

– Registro Fiat Italiano;

– S.I., Automotoclub Storico Italiano;

– RIAR registro auto storiche Alfa Romeo;

– Registro Storico Federmoto.

Il costo del certificato prevede il versamento di una quota annuale, con l’aggiunta delle spese d’iscrizione, un importo che potrebbe oscillare tra le 100 fino a 150 euro.

Il titolare del veicolo con la certificazione può richiedere la riduzione della tassa di possesso, attraverso la presentazione di una richiesta formulata alla Motorizzazione civile. Inoltre, dovrà richiedere l’adeguamento della carta di circolazione.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein