Bollo auto con targa straniera: ecco come gli italiani evitano il bollo e le multe

Bollo auto e multe con veicoli targa straniera. Molti italiani evitano così di pagare le tasse vigenti. Ecco quale sarà il provvedimento che li metterà alle strette.

Sempre più spesso si vede circolare in Italia auto con targa straniera, si pensa a un turista per caso ma, invece, molto spesso sono persone che risiedono in Italia e che guidano veicoli con targa straniera, per evitare di pagare bollo, tasse e polizze varie.

La normativa vigente regola la circolazione delle auto in Italia con targa straniera per un periodo ben preciso, molti non lo sanno o fanno finta di non saperlo, proprio per evitare le dovute imposte.

Non è solo lo straniero che guida una macchina con targa straniera, ma molto spesso anche gli italiani stessi per evitare proprio le imposte della normativa vigente.

Bollo e multe: Ecco come non pagarle

Le auto con targa straniera possono circolare in Italia per almeno un anno da quando sono entrate in Italia e sono di proprietà di residenti.

Trascorso un anno bisogna nazionalizzare alla Motorizzazione l’auto. L’esenzione per la mancata nazionalizzazione è pari a €335 più il sequestro del veicolo.

Spesso non si riesce a risalire quando l’auto è entrata in circolazione in Italia e questo comporta quindi mancato introito per lo stato di quasi oltre un milione di euro.

I furbetti per evitare il pagamento del bollo e delle multe, si rivolgono spesso e società di noleggio straniere o di leasing.

Online ci sono tante agenzie specializzate che forniscono questo tipo di servizio, l’auto viene portata in un paese straniero immatricolata e poi riportate in Italia.

Bollo auto targa straniera

Infrazioni con auto con targhe straniere non pagate

Durante tutto l’anno le infrazioni commesse da auto con targhe straniere sono molto numerose e questo comporta un mancato introito allo Stato.

Infrazioni commesse in più casi sono quelle con le auto con targa rumena, poi ci sono quelle con targhe svizzere, francese e bulgare. In totale sono state oltre 30.000 le multe non pagate.

Bollo e multe con auto con targa straniera non pagate: Ecco la soluzione

Questo tipo di problema poiché è in vasta scala, è anche al livello europeo. Quindi si pensa di dare una revisione al Codice di Strada, ciò che si è pensato e quello di ridurre il tempo di immatricolazione da un anno a un mese e quindi questo potrebbe dare una stretta ai furbetti.

Francesco Feola, capitano della Guardia di Finanza, ha dato delle informazioni a riguardo. Ha affermato che, chi è in possesso di un’auto con targa straniera evita il pagamento di tutte le imposte a riguardo del veicolo che sono vincenti sul territorio italiano. Resta anche il discorso dell’assicurazione auto che in altri paesi costa molto di meno rispetto che in Italia. Inoltre anche le multe non vengono pagate perché per l’Italia è molto complicato esigerle in un paese straniero. Quindi si evita di perseguire proprio per evitare i rischi di immettersi in un labirinto senza fine.

Quindi per evitare tutto ciò, una novità legislativa potrebbe essere quella di limitare la guida dell’auto con targa straniera solamente ai cittadini residenti all’estero. Potrebbe essere una soluzione semplice e decisamente pratica perché in questo modo si eviterebbe sia ai soggetti residenti in Italia ma anche quelli stranieri di guidare un’auto con targa straniera.

Bollo auto se si va all’estero, non va pagato, ecco quando e perchè


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.