Bollo auto non pagato: i 3 anni di prescrizione si dividono in base agli atti

Bollo auto non pagato: tempi di prescrizione di tre anni dalla scadenza, se arriva l’avviso di accertamento i tre anni ripartono di nuovo.

Bollo auto non pagato, il quesito di un nostro lettore su cosa fare in caso di atto di accertamento: Buongiorno meta giugno mi è stata recapitata una raccomandata da parte della agenzia delle entrate di Udine, “atto di accertamento” dove mi si comunica che non ho pagato il bollo auto in scadenza il 31 maggio 2016 e di fare il pagamento entro 60 giorni dalla notifica dell’atto. Se non ottempero come previsto dalla legge verrà quindi emessa una cartella esattoriale.
In allegato vi era anche il relativo modulo di pagamento e quindi il 4 agosto c.a. sono andato in banca a pagare. Nel contesto, ho intrattenuto con la cassiera una conversazione relativa all’argomento in questione e mi ha suggerito di rivolgermi a voi per chiarimenti.

In attesa di riscontro porgo distinti saluti.

La ringrazio di averci contattato e soprattutto che le abbiano consigliato di rivolgersi a noi. In base al suo quesito analizzeremo quanto il bollo auto si prescrive.

Prescrizione Bollo auto non pagato

Nello specifico, le Regioni o l’Agenzia dell’Entrate devono richiedere il pagamento del bollo auto con un avviso di accertamento notificato al contribuente termite mezzo A/R o posta elettronica certificata (PEC) entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello di scadenza.

Facciamo un esempio pratico: se non si paga la tassa automobilistica il 2016, il contribuente potrà ricevere l’avviso di accertamento entro il 31 dicembre 2019.

Trascorso i tre anni dalla scadenza, anche se arriva la notifica di pagamento questa è illegittima, come anche la successiva cartella esattoriale emessa dopo l’avviso di accertamento.

Con l’avviso di accertamento, il termine si interrompe e inizia a decorrere di nuovo a partire dal giorno successivo all’avviso di pagamento. A quel momento vengono considerati nuovamente altri 3 anni per la prescrizione, se in questo arco di tempo non dovesse arrivare nessuna cartella esattoriale, si verificherebbe la prescrizione e nulla è dovuto.

Il principio della prescrizione del bollo auto vale anche per la notifica della cartella esattoriale. Ha chiarire questo principio è intervenuta la Cassazione delle S.U. sentenza numero 23395/16. La legge non chiarisce i tempi di prescrizione delle cartelle esattoriali di pagamento, quindi in linea generale si applicano le medesime regole, ed esattamente: prescrizione di 10 anni per debiti Irpef; 5 anni per debiti Imu e 3 anni per il bollo auto.

Atti che interrompono la prescrizione del bollo auto

Il bollo auto non pagato si prescrive dopo tre anni, se arrivano atti di pagamento (avviso di accertamento dalla Regione; sollecito di pagamento; notifica della cartella esattoriale; preavviso di fermo amministrativo; atto di pignoramento; intimazione al pagamento da pare dell’agente di riscossione esattoriale), il termine di tre anni decorre nuovamente dal giorno successivo al ricevimento dell’atto.

Bollo auto non pagato, prescrizione, rottamazione e pagamento a rate

Conclusione

Nel caso in oggetto, purtroppo, l’avviso di accertamento del bollo è arrivato nei termini e quindi bisogna pagarlo secondo le indicazioni indicate nell’avviso. Tranne che non si voglia attendere la cartella esattoriale gravata da interessi e sanzioni. Come sopra riportato per la prescrizione devono decorrere tre anni dal giorno successivo all’avviso di pagamento. Se nel frattempo arriva la cartella esattoriale (nei tre anni dall’atto di accertamento) questa è legittima e bisogna provvedere al pagamento.

Bollo auto 2019: alcune novità apportate dal governo gialloverde

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”