Bollo auto: quando si verifica la prescrizione e quando pagare

Bollo auto: quali sono i termini per la prescrizione e quando è dovuto il pagamento della tassa di possesso di un veicolo

Bollo auto non pagato, il quesito di un nostro lettore su come pagare bolli arretrati: “Salve, volevo chiedo gentilmente un’informazione, sono in possesso di un ciclomotore. Non pago il bollo dal 2013 al 2017, sono in prescrizione o devo pagare, grazie”

Bollo auto: quando è prescritto

Le Regioni o l’Agenzia dell’Entrate richiedono il pagamento del bollo auto inviando tramite raccomandata A/R o posta elettronica certificata (PEC) un avviso di accertamento notificato entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello di scadenza.

Nel caso in cui sono trascorsi tre anni dalla scadenza, se arriva la notifica di pagamento questa è illegittima, ciò è valido anche per la successiva cartella esattoriale emessa dopo l’avviso di accertamento.

Se si riceve l’avviso di accertamento entro i tre anni successivi alla scadenza, questo interrompe i termini di prescrizione e si inizia a decorrere di nuovo i termini di tre anni a partire dal giorno successivo all’avviso di pagamento. Se in questo arco di tempo non dovesse arrivare alcuna cartella esattoriale, si verificherebbe la prescrizione e nulla è dovuto.

Risposta al nostro lettore

Il nostro lettore non ha pagato il bollo auto per il ciclomotore dal 2013 al 2017. Analizziamo il caso:

  • nel caso in cui non si è mai ricevuto alcun tipo di notifica di pagamento, il bollo per gli anni dal 2013 al 2015 sono ormai andati in prescrizione e nulla è dovuto all’Agenzia dell’Entrate. Mentre per il bollo del 2016 e 2017 questi andranno in prescrizione rispettivamente il 31 dicembre del 2019 e il 31 dicembre 2020;
  • se si è ricevuto un avviso di accertamento e di seguito una cartella esattoriale questo ha interrotto il periodo di prescrizione. Bisogna di nuovo far decorrere i termini della prescrizione del giorno successivo alla notifica. Quindi occorre fare un’attenta indagine sulle cartelle ricevute, controllando le date in cui sono state notificate e da questa ricalcolare i tre anni per la prescrizione. Nel caso sono già trascorsi i tre anni la cartella non va pagata altrimenti bisogna provvedere al suo pagamento. L’Agenzia dell’Entrate può procede con il pignoramento dei beni.

Bollo auto non pagato, il sollecito di pagamento interrompe la prescrizione?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.