Bollo auto: si pagherà in base ai chilometri percorsi

Bollo auto verrà pagato in base ai chilometri percorsi: tutte le novità

Bollo auto – Provvedimenti a favore degli automobilisti europei sono stati presi dalla commissione Trasporti del Parlamento europeo come l’Eurobollo e il Telepass. Vediamo quali sono le novità.

Provvedimenti della Commissione Trasporti del Parlamento Europeo

I provvedimenti presi dalla Commissione Trasporti del Parlamento Europea riguardano gli automobilisti europei, tassando, con il bollo auto, chi inquina di più e facendo risparmiare chi rispetta l’ambiente. I provvedimenti riguardano l’Eurobollo e il telepass.

L’Eurobollo

Il Parlamento Europeo ha approvato la riforma dell’eurobollo. Hanno messo appunto una tassa che varia in base al tipo di veicolo e ai chilometri percorsi e non in base al tempo.  Quindi il bollo auto sarà più efficiente ed equa, poiché non si pagherà in base ad un determinato periodo ma in base all’utilizzo del veicolo, chi usa l’auto quindi inquina e paga di più. Tale tariffazione stradale, imposta dagli Stati membri europei, andrà in vigore dal 2026 per le autovetture e dal 2023 per i veicoli pesanti e furgoni merci oltre 2,4 tonnellate.

Tali provvedimenti sono necessari per raggiungere l’obbiettivo del Libro bianco sui trasporti, cioè applicare i principi di “chi inquina paga” e del “chi usa paga”. I paesi dell’Ue dovranno fissare le tariffe in base alle emissioni di CO2. Per raggiungere gli obiettivi prefissati sul clima a Parigi, bisogna incentivare il più possibile i veicoli green, poiché il 60% delle emissioni dei trasporti su strada proviene dai veicoli.

Esenzione bollo auto GPL/Ibrida, in quali regioni non si paga?

Il Telepass europeo

L’Eurocamera ha dato il via al telepass europeo che farà risparmiare milioni di euro a cittadini e imprese. Le cifre si aggirano intorno ai 370 milioni di euro l’anno per chi utilizza le autostrade Ue. Per le aziende che gestiscono le autostrade potrebbero recuperare 150 milioni di euro l’anno per i pedaggi non versati da utenti di altri paesi europei. L’obiettivo di questo provvedimento è quello di unificare i sistemi di telepass tra gli stati Ue.  In modo che con un solo congegno si possa viaggiare e pagare i pedaggi in tutta Europa.

Questo provvedimento semplificherà la circolazione sulle strade sia di cittadini che di autotrasportatori che oggi devono possedere più di sei o sette diverse apparecchiature di bordo per effettuare i pagamenti sulle autostrade dell’Ue.

Bollo auto 2018 prossima scadenza 31 maggio: chi deve pagare?

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.