Bonus 100 euro e personale ATA: spetta la fruizione?

Personale ATA: il bonus da 100 euro in busta paga spetta rimodulato in base ai giorni effettivamente lavorati in sede nel mese di marzo.

Il personale ATA, che durante la sospensione delle attività didattiche ha continuato a svolgere il proprio lavoro a scuola (poichè la scuola non era chiusa ma soltanto sospesa l’attività didattica) hanno il diritto  di fruire del bonus da 100 euro riservato dal Decreto Cura Italia per i dipendenti che nel mese di marzo hanno continuato a svolgere la propria attività nella sede di lavoro.

ATA e bonus da 100 euro in busta paga

In alcune regioni l’attività didattica è stata sospesa già a fine febbraio, in altre a partire dall’8 marzo. Non tutti sanno, però, che la sospensione dell’attività  didattica non ha portato alla chiusura delle scuole che, appunto, sono rimaste aperte. Mentre i docenti, quindi, hanno svolto il proprio lavoro in smart working, il personale ATA ha continuato a recarsi a scuola per svolgere il proprio lavoro, fino alla chiusura delle strutture scolastiche prevista dal decreto del 18 marzo (tranne che per le attività indifferibili individuate dai dirigenti scolastici). 

Il personale ATA, quindi, continuando a lavorare anche durante la sospensione delle attività didattiche ha diritto a ricevere il bonus di 100 euro destinato ai lavoratori dipendenti che hanno continuato a svolgere la propria attività nella sede di lavoro. Per chi non ha lavorato per tutto il mese di marzo, in ogni  caso, il bonus sarà rimodulato in base alle giornate effettivamente lavorate e non percepirà, quindi, 100 euro ma meno. I 100 euro spetteranno soltanto a chi ha lavorato nella sede di lavoro per tutto il mese di marzo.

In ogni caso, in questo periodo di emergenza in cui le scuole sono state chiuse, sospese e le attività didattiche hanno cominciato a svolgersi a distanza con alunni e docenti a casa, il pensiero non è mai andato a chi, come il personale ATA, ha continuato a recarsi al lavoro per questioni tecniche ed amministrative volte al funzionamento dell’istituzione scolastica. 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.