Bonus 100 euro in busta paga: ferie, permessi e malattia diminuiscono l’importo

Bonus di 100 euro in busta paga, non per tutti e proporzionato ai giorni lavorati: ferie, permessi, congedi e malattia, diminuiscono l’importo.

Il bonus di 100 euro in busta paga, riconosciuto al decreto legge “cura Italia” a tutti i lavoratori dipendente che hanno continuato a lavorare, nonostante l’emergenza sanitaria, subisce una decurtazione con le ferie. A precisare il particolare delle ferie e della riduzione che avviene sul bonus è l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione numero 8 del 9 aprile.

Bonus di 100 euro rapportato ai giorni di lavoro

L’articolo numero 63 del decreto legge “Cura Italia” stabilisce che i dipendenti che hanno continuato a lavorare nel periodo di emergenza sanitaria hanno diritto ad un bonus in busta paga di 100 euro. 

Il premio di 100 euro è rapportato al numero di giorni di effettivo lavoro nel mese di marzo. Questo significa che il bonus non spetta per tutti i giorni del mese ma solo quelli in cui il dipendente ha prestato la sua attività lavorativa, quindi, nei giorni di ferie e permessi il bonus non viene corrisposto.

Inoltre, non spetta ai lavoratori in telelavoro o in smart working, in quanto non hanno prestato l’attività lavorativa preso la sede di lavoro. 

Quando il bonus non spetta

Il premio di 100 euro non spetta ai lavoratori dipendenti in smart working, telelavoro e assenti dall’attività lavorativa per vari motivi, ad esempio: ferie, permessi retribuiti, congedi, malattia, ecc. 

Il premio viene riconosciuto per le giornate di effettivo lavoro. 

Contratti part time: verticale e orizzontale

Anche nei contratti di lavoro part time verticale il bonus in busta paga varia in base alle giornate di effettivo lavoro. Lo stesso discorso avviene per il part time orizzontale, in questo caso l’importo del premio è corrisposto nella formula piena, se il lavoratore ha lavorato le ore stabilite da contratto in tutto il mese di marzo.  

Per approfondire l’argomento: Premio di 100 euro in busta paga: chi rischia di perderlo? I chiarimenti dell’AdE


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”