Bonus 160 euro per figli fino a 14 anni, ecco cosa prevede il nuovo decreto

La bozza del decreto aprile divenuto maggio non contiene il sostegno alle famiglie. Il bonus figli da 160 euro è (forse) sparito dall’incartamento?

Manca all’appello il bonus figli da 160 euro dalla bozza del decreto maggio. Eppure, nell’ex decreto aprile il sostegno alle famiglie c’era. Tuttavia, nell’attuale bozza che dovrebbe rappresentare il decreto maggio sembra scomparso. Uno strano enigma ha investito il sostegno da 160 euro a famiglia, denominato anche assegno universale straordinario, presentato in più occasioni dalla ministra della Famiglia Elena Bonetti. La misura doveva affiancare il congedo straordinario e il bonus baby sitter. Quest’ultimi sono stati confermati, ma dell’assegno universale non vi è traccia nella bozza del decreto maggio. Che si sia perso nell’incartamento di aprile?

Del resto il bonus figli da 160 euro sarebbe stato erogato indistintamente per tutte le famiglie con minori fino a 14 anni, con una variazione dell’importo in virtù del reddito ISEE. In sostanza, si è tanto parlato di un bonus bebè ampliato, al fine di raggiungere una vasta platea di famiglie. Il punto, perché è sparito dalla bozza del decreto maggio? Chi ha provveduto a depennarlo?

Bonus figli 160 euro falciato dal decreto maggio ex aprile

La ministra Bonetti attraverso una diretta su Facebook ha spiegato il motivo per cui il bonus figli da 160 euro è stato eliminato dal decreto maggio. Sembra che il primo motivo sia legato a un congedo straordinario studiato in forma più flessibile rispetto all’attuale, il che avrebbe portato a esclude la possibilità di poter erogare il bonus per le famiglie.

Nello specifico, la ministra ha chiarito che la misura rappresenta uno dei pilastri su cui fonda il Family Act. Tuttavia, al momento non vi è discussione nel merito del Family Act a causa del sopraggiungere dell’emergenza da Covid-19. Anche se la ministra, ha incalzato più volte per il sostegno dell’assegno straordinario universale, in vista dell’imminente instabilità economica persistente nel nostro Bel Paese. Per questo motivo, in più occasioni aveva proposto una risorsa stabile su cui le famiglie potessero contare.

Tale misura non ha trovano un riscontro negli altri partiti di maggioranza. A supporto del provvedimento mancherebbero le risorse finanziarie, quindi, la misura sarebbe stata rinviata a data da destinarsi.

Aspettando Family Act

Per il momento il bonus figli, ossia l’assegno straordinario universale del valore di circa 160 euro in base al reddito ISEE, manca nella bozza del decreto aprile, ma ciò non vuol dire che non venga inserito nel pacchetto Family Act. In pratica, bisogna attendere tempi “migliori”, prima che le forze di maggioranza decidano di approvare il sostegno per le famiglie.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein