Bonus 515 euro al mese, Odg per gli anni 2014/2015/2016

Bonus 515 euro al mese fino al pensionamento, si apre un nuovo spiraglio per gli anni 2014/2015/2016 e non solo. Presentato Odg con parere favorevole, ecco cosa prevede.

Bonus 515 euro fino al mese fino al raggiungimento dei requisiti per il pensionamento ha avuto molte posizioni altalenanti. Divenuta strutturale dal 1° gennaio 2019 e prevedeva la rottamazione delle licenze solo per coloro che chiudevano l’attività nel 2019. Successivamente, dopo un iter tortuoso e burocratico, la norma ha reso accessibile in via retroattiva anche coloro che avevano chiuso l’attività negli anni 2017/2018, anni in cui questa misura non era stata prorogata. Va specificato che il bonus di 515 euro  è stato previsto originariamente per il triennio 1996 – 1998, rinnovato nei vari anni. Risolto un problema ne nasce un altro.

A richiedere il diritto di inclusione sono i commercianti che hanno chiuso definitivamente l’attività negli anni 2014/2015/2016, è stato presentato un Odg  a firma Luca Sut accolto dal governo con parere favorevole.

Bonus 515 euro al mese: Odg amplia la platea dei beneficiari

L’Odg chiarisce alcuni aspetti della misura evidenziando la necessità di includere tutti coloro che hanno cessato l’attività dal 2009 al 1 dicembre 2016. 

La normativa così com’è attualmente in vigore circoscrive la platea dei beneficiari, infatti, coloro che, pur avendo conseguito i requisiti anagrafici nel 2017, ma avendo cessato l’attività nel 2016, sono esclusi dall’indennizzo commercianti. L’indennizzo commercianti, denominato “bonus 515 euro” è una prestazione economica per tutti coloro che esercitato l’attività commerciale e contribuiscono al versamento di una maggiorazione finalizzata ad un sussidio a fruire fino alla pensione di vecchiaia per coloro che chiudono definitivamente l’attività e non svolgono altre attività lavorative. 

L’Odg presentato si impegna in un’ottica di gradualità di indennità a prevedere l’inserimento di tutti coloro che hanno cessato l’attività commerciale tra il 1° gennaio 2009 e il 31 dicembre 2016 e hanno maturato i restanti requisiti, tra i quali quello anagrafico, entro il 31 dicembre 2018.

I requisiti attuali

I requisiti attuali per accedere a questa misura sono: uomini almeno 62 anni di età anagrafica, donne 57 anni; i lavoratori devono essere iscritti, al momento della cessazione dell’attività, da almeno 5 anni, anche non continuativi, alla Gestione dei contributi previdenziale degli esercenti attività commerciali; bisogna aver cessato l’attività commerciale, in via retroattiva dal 2017 (questi sono i requisiti che oggi permettono di presentare domanda).

Bonus 515 euro al mese da 57 anni fino alla pensione, i requisiti richiesti

I fondi bloccati 

Al momento l’indennizzo commercianti o “bonus 515 euro” è bloccato per esaurimento di fondi. Questa misura prevede che le istanze sono evase (comma 283-283) fino ad esaurimento dei fondi. Purtroppo, la forte crisi economica ha sbilanciato l’equilibrio, sono state presentate più richieste rispetto ai fondi accumulati. 

L’indennizzo commercianti prevede l’evasione delle pratiche fino ad esaurimento fondi (ai sensi del comma 284 e 283). Nel corso del 2019 sono state presentate più istanze di quanto il fondo potesse evadere. Questo fenomeno è dovuto dalla forte crisi economica che attanaglia l’Italia. Questa situazione ha creato un forte squilibrio tra la consistenza dello specifico Fondo e l’importo da corrispondere.

L’Inps, attende che il Ministero del Lavoro  prenda una decisione in merito, nel frattempo ha informato ai richiedenti che, pur in presenza di tutti i requisiti richiesti dall’art. 2 del D.Lgs. 207/1996, potrebbero non aver diritto al bonus di 515 euro.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”