Bonus 600 euro prorogato, nuovo sgravio contributivo e blocco licenziamenti, le novità

Bonus 600 euro prorogato per altri due mesi, sgravi contributivi di sei mesi per chi assume o converte i contratti a tempo determinato in indeterminato, blocco licenziamenti, tutte le ultime novità.

Prorogato il bonus 600 euro per altre due mensilità dedicato ai lavoratori stagionali del turismo, spettacolo e terme. Sarà anche più facile il rinnovo dei contratti a termine, ecco in breve una panoramica delle novità sul lavoro: sgravio contributivo e licenziamento, nel decreto agosto

Rinnovi e proroghe in atto

Dopo i dodici mesi di rinnovo non dovrà essere inserita più la causale. Le aziende potranno assumere i lavoratori a tempo indeterminato, anche con la trasformazione dei contratti a termine con uno sgravio contributivo di sei mesi, nei limiti di ottomila euro. 

Per chi ha in scadenza l’indennità di disoccupazione, per chi percepisce Dis Coll per i collaboratori e Naspi per i lavoratori dipendenti, con una proroga ulteriore di due mesi. 

Bonus 600 e 1000 euro anche a giugno e luglio ma non per tutti

Scontro sul blocco dei licenziamenti

Si discute sul blocco dei licenziamenti, il ministro del Lavoro, Catalfo, una parte del Pd, il Movimento 5 Stelle, Leu, Cisl, Cgil e Uil, insistono per una proroga fino al 31 dicembre 2020.

Parte del Pd e il ministro dell’Economia Gualtieri, vorrebbero una scadenza più vicina, intorno al 15 ottobre 2020. Confindustria non ci sta e ha espresso il suo parere contrario: ‘se si protrarrà il divieto dei licenziamenti, il costo per lo Stato sarà pesante’. 

Le aziende per mantenere in forza i lavoratori devono essere aiutati dagli ammortizzatori sociali (Cigo, Gig, ecc.) per tutti indistintamente e senza oneri. 

Il premier Conte, ha cercato di mediare, ma il campo è molto difficile e sono in gioco oltre ai posti di lavoro, il futuro delle aziende. 

Secondo la bozza del decreto Agosto, il divieto di licenziamento sarebbe prorogato fino al 31 dicembre 2020, con una differenza, a partire dal 15 ottobre sarebbero esclusi i datori di lavoro che non utilizzano gli ammortizzatori sociali per emergenza Covid. Quindi, un si al licenziamento condizionato dal non utilizzo della cassa integrazione. 

Un intreccio abbastanza complesso, che sicuramente non giova all’economica italiana. 

Il ministro del Lavoro, Catalfo, insiste sulla sua linea: proroga del divieto di licenziamento per tutti fino al 31 dicembre 2020. 

Non ci resta che aspettare che si chiuda il dibattito ed esca il verdetto finale. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”