Bonus 80 euro in busta paga, non sarà cancellato ma cambierà radicalmente, ecco come

Bonus Renzi non sarà cancellato ma i lavoratori non avranno più gli 80 euro in busta paga: ecco cosa cambierà.

I rumors dei giorni scorsi hanno parlato di una possibile cancellazione del bonus 80 euro in busta paga in  favore delle nuove manovre che il governo ha in programma ma Di Maio ci ha tenuto a precisare che non si tratta di notizie reali.

Nonostante la smentita, però, l’intenzine del governo è quella di trasformare il bonus Renzi di 80 euro in uno sconto fiscale per i lavoratori e la conferma è arrivata da autorevoli font del MEF che hanno parlato di una trasformazione da esborso a riduzione fiscale.

Bonus Renzi confermato ma trasformato

Il bonus Renzi, quindi, anche se confermato subirà una radicale trasformazione che ancora non ci è dato sapere come porterà una riduzione delle tasse per i lavoratori.

Bonus 80 euro, nove miliardi all'annoDalle indiscrezioni che sono emerse, però,  si riesce a capire che per il lavoratore non ci sarà alcun svantaggio: la manovra fiscale dovrebbe prevedere una riduzione delle aliquote Irpef dalle attuali 5 a 3:

  • redditi fino a 28mila euro: aliquota tra il 15% e il 25% (da decidere);
  • redditi compresi tra i 28mila e i 75mila euro: aliquota tra il 26% e il 35% (da decidere);
  • redditi superiori ai 75mila euro: 43% (com’è oggi).

In tutto questo il bonus Renzi dovrebbe incrementare la detrazione da lavoro dipendente aggiungendo 960 euro l’anno per chi ha un reddito inferiore alle soglie per percepire il bonus facendo in modo che anche se il lavoratore non avrà più gli 80 euro in busta paga potrà beneficiare di 960 euro di detrazioni annue in più.

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.