Bonus affitti con credito di imposta: come si usa?

Come può essere utilizzato il bonus affitti con credito di imposta del 60% sull’affitto pagato? Ecco le istruzioni per l’utilizzo.

Il decreto Cua Italia ha introdotto un credito di imposta per chi paga la locazione di immobili ad utilizzo commerciale pari al 60% sul canone di locazione nel mese marzo. Il bonus riguarda soltanto gli immobili rientranti nella categoria catastale C/1, ovvero quella relativa a botteghe e negozi. Anche se con il prossimo decreto il bonus affitti potrebbe essere ampliato, vediamo come può utilizzare il credito di imposta chi rientra nel bonus di marzo.

Bonus affitti: come si richiede?

Un nostro lettore ci chiede: 

Buongiorno ,
Avrei bisogno di sapere come fare per richiedere il credito d’ imposta sugli affitti dei mesi marzo e aprile 2020.
Ho un’attivita’ chiusa dal 7 marzo.
Grazie

Con la circolare 8/E dello scorso 3 aprile l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che il credito d’imposta serve a dare respiro ai soggetti che hanno sostenuto il pagamento dell’affitto per il locale commerciale. Per aver diritto al bonus, quindi, è necessario aver pagato la locazione del mese di marzo. Si ricorda che possono fruire dell’agevolazione soltanto i locali commerciali accatastati come C/1, sono esclusi dal credito di imposta, quindi, i locali accatastati come D/8, ovvero i “Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un’attività commerciale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni”.

Come funziona il bonus affitti del decreto Cura Italia? E’ bene chiarire subito che il bonus affitti non prevede erogazione di soldi ma è un credito di imposta e va, quindi, utilizzato esclusivamente in compensazione.

Per poter fruire del credito di imposta, quindi, bisogna utilizzare il modello di pagamento F24 con il codice tributo 6914, ovvero il “credito di imposta canoni locazione botteghe e negozi”.

Il credito di imposta del 60% del canone di locazione corrisposto per il mese di marzo, quindi, dovendo essere usato obbligatoriamente in compensazione, può essere utilizzato per il versamento delle imposte dovute a partire dal 25 marzo 2020.

Come si compila il modello F24 per utilizzare in compensazione il credito di imposta? E’ presto detto, nel modello F24, sezione Erario, nella “colonna importi a credito compensati”, nell’anno di riferimento va indicato “2020”.

Novità decreto Maggio

Con il decreto di Maggio il bonus affitti dovrebbe essere prorogato anche per i mese di aprile (poichè moltissimi sono i negozi che sono rimasti chiusi fino al 4 maggio e altri, ancora, resteranno chiusi fino al 18 maggio o al 1 giugno).

Si è parlato anche della possibilità di estendere il bonus con credito di imposta ad altri immobili di uso non abitativo, attualmente esclusi dal bonus previsto dal decreto Cura Italia, come ad esempio hotel, alberghi, capannoni d’azienda, bar, ristornati, studi professionali.

Con il decreto di maggio, inoltre, dovrebbe arrivare anche una riduzione di bollette luce e gas per commercianti, artigiani, partite Iva e professionisti che si trovano in difficoltà economica a causa della chiusura.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.