Bonus auto fino a 6.000 euro con una busta paga bassa

Bonus auto con rottamazione fino a 6.000 euro ma con finanziamento, se il richiedente ha una busta paga bassa, può accedere all’incentivo?

Il bonus auto è stato introdotto dal Governo con il decreto Rilancio, per incentivare il settore auto che con la pandemia da covied-19 è stato fortemente penalizzato. Il bonus auto è fruibile con rottamazione di una vecchia auto o anche senza rottamazione, l’incentivo dipende anche dal tipo di auto che si sceglie.

Bonus auto: incentivi fino a 6.000 euro

Il bonus auto spetta per le auto diesel, benzina Euro 6 e auto ibride/elettriche che generano basse emissioni di Co2. In proporzione maggiore è il livello di emissione, minore è il bonus auto spettante, il valore massimo incentivante è di 10.000 euro con rottamazione e 6.000 euro senza rottamazione. Inoltre, c’è il listino da rispettare, infatti, la nuova auto non deve superare a listino i 61.000 Iva inclusa. 

Bonus auto con rottamazione e busta paga bassa

Un lettore ci scrive: “Salve voglio cambiare la macchina vedendo il vostro bonus di 6000 euro, io con la mia busta paga de 700 euro posso ? Grazie aspetto la risposta”

Il bonus non è legato alla busta paga, ma al tipo di auto che si deve acquistare. Lei deve acquistare l’auto, se ho capito bene, con un finanziamento. La prima cosa da stabilire il tipo di auto, in questo caso deve scegliere un’auto, che rispetti le direttive richieste dalla normativa, ma un tipo economico in modo che il capitale che deve finanziare è un importo accessibile considerando il suo stipendio mensile. 

La busta paga anche se bassa può dare accesso al finanziamento, molto dipende anche dal nucleo familiare, dall’importo del veicolo scelto e dalle rate di finanziamento. 

Quindi, se lei percepisce una busta paga di 700 euro, ma vive solo e non ha moglie e figli a carico, scegliendo un modello economico con gli incentivi abbassa di molto il valore dell’auto nuova, e la rimanente parte la può finanziare, scegliendo rate non troppo elevate che le riesco a vivere e pagare il finanziamento. 

La società finanziaria prima di concedere il finanziamento, valuta tutte le possibilità, molto importante la data di assunzione a tempo indeterminato, un lavoratore con un posto stabile ha maggiore affidabilità.  


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”