Bonus badanti da 400 a 600 euro, requisiti e domanda, ultimi aggiornamenti

Bonus badanti da 400 a 600 euro per i mesi di aprile e maggio, ecco le ultime novità del decreto e gli esclusi dall’indennità.

Il bonus badanti e colf è una nuova misura a sostegno per emergenza coronavirus inserita nel nuovo decreto. La bozza del decreto all’art. 23 riporta i beneficiari che potranno richiederlo e sarà riconosciuto per un importo che va dai 400 euro ai 600 euro per i mesi di aprile e maggio 2020. 

Bonus badanti e colf da 400 a 800 euro: l’art. 23 del nuovo decreto

Il nuovo decreto all’art. 23 riporta l’indennità per i lavoratori domestici denominato anche “bonus badanti e colf” con uno o più contratti in essere alla data del 23 febbraio 2020. I contratti devono avere una durata complessiva non superiore alle 20 ore settimanali, è riconosciuta un’indennità di 400 euro per ciascun mese. 

Per i lavoratori che hanno in essere più contratti di durata complessiva a 20 ore settimanali, per i mesi di aprile e maggio 2020 è riconosciuto un bonus badanti e colf di 600 euro per ciascun mese. 

Il bonus non concorre alla formazione di reddito e quindi non va a caricare il reddito del nucleo familiare.

Compatibilità con altre indennità

Il bonus badanti non viene riconosciuto se i lavoratori domestici convivono con il datore di lavoro e inoltre, bisogna dimostrare una comprovata riduzione di almeno il 25 per cento dell’orario complessivo di lavoro.

Il bonus badanti non è cumulabile con il bonus 600 euro partita Iva e collaboratori, e non spetta se si percepisce l’indennità NASPI e reddito di emergenza

Possono  fare richiesta coloro che percepiscono il reddito di cittadinanza fino al raggiungimento della somma complessiva di 600 euro, solo se la somma che percepiscono per il RdC è inferiore a 600 euro. 

Inoltre, il bonus non spetta ai titolari di assegno ordinario di invalidità e ai titolari di rapporto
di lavoro dipendente a tempo indeterminato diverso dal lavoro domestico.

La domanda del bonus badanti deve essere inoltrata all’Inps e bisogna attendere l’ufficialità e le circolari Inps con le modalità tecniche per inviare l’istanza. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”