Bonus caldaia al 110% con sconto in fattura, detrazione o cessione credito

Bonus caldaia nel 2020 si può ottenere l’agevolazione al 110% con sconto immediato in fattura, o la detrazione nella dichiarazione dei redditi e infine la cessione del credito d’imposta. Ecco quando è possibile e con quali interventi.

Bonus caldaia al 110%, è possibile fruire delle agevolazioni a totale carico del Fisco in tre modi specifici: con la detrazione nella dichiarazione dei redditi, con lo sconto immediato in fattura, con la cessione del credito di imposta. Il bonus caldaia rientra nelle agevolazioni del Superbonus casa al 110%. Il decreto Rilancio ha previsto le tre misure per tutte le agevolazioni legate alle ristrutturazioni con efficientamento energetico. Queste regole valgono anche per la sostituzione della caldaia? Analizziamo in breve, cosa prevede il Mise, l’Agenzia delle Entrare e l’Enea. 

Bonus caldaia quando la detrazione al 110%

Un lettore ci chiede: “Dovrei installare una  caldaia a pompa di calore, ho letto il decreto MISE e mi sembra di capire che è possibile accedere alla detrazione del 110%, per la sostituzione parziale o integrale dell’impianto. Vorrei chiarimenti i merito. Vi ringrazio”.

I chiarimenti Enea

La domanda è troppo generica in quanto prima bisogna valutare l’impianto per capire se è possibile accedere o meno alle agevolazioni fiscali. La detrazione viene applicata su un miglioramento dell’efficienza energetica secondo precisi criteri specificati anche nelle FAQ dell’Enea. 

L’Enea specifica che un nuovo impianto deve assicurare il risparmio energetico tramite l’installazione di un sistema a pompe di calore che prevede specifici requisiti tecnici. 

L’Agenzia delle Entrate e il decreto Mise per la sostituzione con impianti a pompa di calore

L’Agenzia delle Entrate nell’interpello n. 140/2020 precisa che: “le spese siano sostenute per l’acquisto e l’installazione di una pompa di calore per la climatizzatore invernale degli ambienti – anche reversibile e, quindi, per il condizionamento estivo.”

Inoltre, chiarisce che l’impianto deve essere corredata da idonea documentazione comprovante che i lavori eseguiti siano finalizzati  al conseguimento di risparmio energetico con l’installazione di impianti basati sull’impiego delle fonti rinnovabili di energia.

L’Agenzia delle Entrate, precisa che la sola sostituzione parziale o totale dell’impianto a pompa di calore, è possibile fruire del bonus al 110%

 Il decreto del Mise riporta che la sostituzione è ammessa per impianti parziali o integrali di impianti di climatizzazione invernali con impianti a pompa di calore, con un sistema che permetta il funzionamento tra loro. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”