Bonus casa 110%: possibile la cessione del credito dal 15 ottobre, anche per i conviventi, chiarimenti AdE

Bonus casa 110%: possibile la cessione del credito dal 15 ottobre solo telematicamente, anche per i conviventi, lo chiarisce l’Agenzia.

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito alcuni aspetti della cessione del bonus casa al 110% e potrà essere utilizzato dal prossimo 15 ottobre. La comunicazione per fruire dello sconto potrà essere inviata all’Agenzia delle Entrate a partire dal 15 ottobre 2020 fino al 16 marzo 2021, utilizzando i moduli esclusivamente in via telematica. Gli interventi sono a totale carico del Fisco

Bonus casa al 110%: per conviventi o detentori dell’immobile

Possono accedere al Superbonus 110% anche i conviventi del possessore o detentore dell’immobile, a patto che sostengono le spese per i lavori che comportano un efficientamento energetico con lavori trainanti che permettono di accedere alle varie agevolazioni a totale carico del Fisco. 

Plafond di spese

Rientrano nel plafond di spese anche i costi sostenuti per i professionisti connesse agli interventi effettuati; i costi per i materiali di progettazioni, ispezioni prima e dopo gli interventi. Infatti, il Mise ha emanato due decreti che regolano le disposizioni tecniche degli interventi e le asseverazioni da presentare. 

I moduli di asseverazione sono due, qui tutte le informazioni sui decreti e le novità del Mise:  Superbonus 110%: due decreti del Mise

I conviventi potranno accedere al bonus, come specifica la circolare, possono usufruirne se sono conviventi o detentori dell’immobile alla data di inizio dei lavoro o, se antecedente al sostenimento dei costi per i lavori di ristrutturazione atti a rilevare un efficientamento energetico. 

Bonus casa al 110% per le partita Iva e i condomini

In riferimento ai condomini e alle partita Iva, se i lavori interessano singole unità immobiliare, il bonus casa al 110% è riconosciuto limitatamente alle unità immobiliare, estranea all’attività esercitata, in poche parole l’immobile deve rientrare nella sfera privata della vita del contribuente. 

Anche in questo caso la detrazione del 110% comprende anche le spese accessorie agli interventi effettuati che rientrano nel superbonus casa 110%, purché effettivamente realizzati. Nelle spese accessorie sono inserite le spese professionali per sopralluoghi, perizie, spese per progettazione e ispezioni prima dei lavori con perizia e dopo i lavori di ristrutturazione con ampliamento della categoria di efficientamento energetico di almeno due classi.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”