Bonus casa: guida dal Mef per come usufruire dei benefici 2018

Il Mef ha pubblicato una guida per i bonus casa, ecco cosa chiarisce.

Bonus casa – Il Mef, Ministero dell’economia e delle finanze, ha reso pubblico una guida “Casa Conviene” per chiarire al cittadino italiano quali siano e come usufruire dei bonus fiscali casa in vigore nel 2018.

I bonus previsti vanno dall’affitto all’acquisto di prima casa, dalla ristrutturazione alla messa in sicurezza di essa, con questa guida si vuol fare una panoramica sigli strumenti disponibili e di rendere più accessibile la richiesta dei diversi bonus.

Bonus casa per l’acquisto o l’affitto di immobili

Le agevolazioni fiscali sono previsti sia se si vuole acquistare, con mutuo o leasing, la prima casa o se si vuole affittare un immobile. Ecco quali sono:

  • Agevolazione fiscali per acquisto “prima casa”;
  • Regime sostitutivo in cedola secca per l’affitto;
  • Riduzione della base imponibile dell’Imu e della Tasi per gli immobili, non di lusso, ceduti in comodato d’uso a familiari che ne usufruiscono come abitazione principale;
  • Pacchetto di misure per il leasing immobiliare abitativo.

La guida chiarisce che per chi acquista un immobile per adibirlo a prima casa, al di fuori di immobili appartenenti alla categoria catastale A1, A8 e A9, può usufruire dell’imposta di registro o dell’IVA con aliquote agevolate. Si può ottenere tali benefici anche se si fossero già percepiti per un’altra abitazione, il vincolo è quello di cedere tale abitazione entro un anno dal nuovo acquisto.

La misura delle agevolazioni sono diverse in base al tipo di venditore, cioè:

  1. Se il venditore è un privato o un’impresa che vende in esenzione IVA, le agevolazioni sono le seguenti:
  • Imposta di registro al 2% (invece del 9%)
  • Imposta ipotecaria fissa di 50 €
  • Imposta catastale fissa di 50 €.
  1. Se il venditore è un’impresa con vendita soggetta ad IVA, le agevolazioni, invece, sono le seguenti:
  • Iva al 4% (anziché al 10%)
  • Imposta di registro fissa di 200 €
  • Imposta ipotecaria fissa di 200 €
  • Imposta catastale fissa di 200 €.

Se si acquista la casa con la richiesta di un mutuo ipotecario, ci sono anche altre agevolazioni per chi ha difficolta a chiedere un mutuo o abbia difficolta nel pagare le rate del mutuo residue. Ecco quali sono:

  1. Fondo di garanzia per l’acquisto e ristrutturazione di prima casa, a cui è possibile richiedere mutui ipotecari fino a 250 mila euro, con le garanzie statali;
  2. Fondo Mef di solidarietà per i mutui prima casa;
  3. Accordo Abi con le Associazioni dei consumatori che riguarda la sospensione dei mutui ipotecari.

Bonus casa previsti per la ristrutturazione e messa in sicurezza dell’immobile

Chi ha una casa di proprietà e la vuole ristrutturare o metterla in sicurezza, può far richiesta dei seguenti bonus in base alle proprie esigenze:

  1. Bonus ristrutturazioni
  2. Bonus mobili ed elettrodomestici
  3. Eco-bonus
  4. Sisma-bonus
  5. Bonus verde.

La guida per ogni misura chiarisce in che cosa consistono, a chi è rivolto, quali siano i benefici e come poterli richiedere.

Come ad esempio, il bonus ristrutturazione con cui si può detrarre dell’Irpef una parte degli oneri sostenuti per le ristrutturazioni straordinari sia delle abitazioni ma anche delle parti comuni di edifici residenziali, dà diritto anche alla richiesta del bonus mobili.

Come percepire il bonus

Per percepire il bonus richiesto, bisogna indicare in sede di dichiarazione dei redditi i dati catastali dell’immobile ristrutturato.

La guida mette in chiaro, anche, che per usufruire del bonus verde, cioè la detrazione del 36% di ciò che si è spesi per sistemare la zona verde dell’immobile, è necessario che il pagamento avvenga tramite strumenti rintracciabili.

Il bonus Ecobonus e Sismabonus sono in vigore fino a dicembre del 2021.

Leggi anche:

Bonus per acquisto prima casa fino a 25mila euro, anche per famiglie con figli, ecco dove


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.