Bonus commercianti anni 2014 – 2016: risposta in Commissione con NotizieOra

Presentata interrogazione in risposta in Commissione sull’integrazione del bonus commercianti anche per gli anni 2014 -2016.

Dopo la pubblicazione della nostra lettera per il bonus commercianti che chiedeva l’estensione della misura anche agli anni 2014 – 2016, è stata presentata un’interrogazione in Commissione a cura degli onorevoli: Murelli, Caffaratto, Caparvi, Durigon, Legnaioli, Eva Lorenzoni, Minardo e Moschioni 

Bonus commercianti: interrogazione a risposta in Commissione

Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. — Per sapere – premesso che:

con la legge di bilancio 2019 (legge n. 145 del 30 dicembre 2018, articolo 1, commi 283 e 284) la Lega al Governo ha reso strutturale l’indennizzo per cessazione attività commerciali in crisi con decorrenza 1° gennaio 2020;

una circolare restrittiva dell’Inps, la n. 77 del 24 maggio 2019, ha incluso – del tutto arbitrariamente rispetto alla volontà del legislatore, a parere degli interroganti – tra i requisiti per accedere al beneficio, la cessazione dell’attività dopo il 1° gennaio 2019, di fatto creando una platea di lavoratori cosiddetti «esodati del commercio», ovvero tutti coloro che avevano dovuto chiudere la propria attività commerciale tra il 2017 ed il 2018, nonostante gli stessi avessero contribuito al versamento della maggiorazione dello 0,09 per cento dell’aliquota contributiva;

con il cosiddetto «decreto crisi aziendali» l’attuale Governo ha riparato a tale situazione; l’articolo 11- ter del decreto-legge n. 101 del 2019, convertito dalla legge n. 128 del 2019, ha esteso l’ambito di applicazione anche ai soggetti che hanno cessato definitivamente l’attività commerciale nel 2017 e nel 2018;

con circolare n. 4 del 13 gennaio 2020, l’Inps fornisce indicazioni, chiarendo che a partire dal 3 novembre 2019, data di entrata in vigore della citata legge n. 128 del 2019, possono presentare domanda di indennizzo, ai sensi della legge n. 145 del 2018 e successive modificazioni e integrazioni, anche i soggetti che abbiano cessato definitivamente l’attività commerciale dal 1° gennaio 2017 purché, al momento della domanda, siano in possesso dei requisiti di cui all’articolo 2 del decreto legislativo n. 207 del 1996 e rinviando, per quanto riguarda requisiti, condizioni di accesso, modalità di presentazione della domanda, importo del trattamento ed incompatibilità, alle istruzioni già fornite con la circolare n. 77 del 2019;

è allarme adesso tra i commercianti del biennio 2014-2016; in una lettera pubblicata su NotizieOra il 17 gennaio 2020, una lettrice chiede «vorremo fosse data anche a noi la stessa possibilità e cercare di trovare una soluzione e modificare i criteri applicativi, abbiamo pagato per anni i contributi e per anni l’aliquota per l’indennizzo commercianti per accedere a tale diritto sospeso dalla fine del 2016 e riattivato dal 2019 in modo strutturale, quindi è un nostro diritto»;

in altri termini, si verifica ora la situazione paradossale che coloro i quali hanno conseguito i requisiti anagrafici nel 2017 ma hanno cessato l’attività lavorativa prima, ad esempio, nel 2016, sono comunque esclusi dal diritto all’indennizzo;

il «bonus commercianti», si ricorda, è una prestazione economica, cui tutti coloro che esercitano l’attività commerciale contribuiscono con il versamento di una maggiorazione, finalizzata ad accompagnare fino alla pensione di vecchiaia coloro che lasciano definitivamente l’attività.

se e quali iniziative il Governo intenda adottare con riguardo a quanto esposto in premessa.
(5-03522)


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”