Bonus commercianti per la pensione, la strada delle ingiustizie non ha fine

Bonus commercianti Indcom, strutturale dal 1° gennaio 2019, ma cosa succede per gli anni 2017 e 2018, la misura non è retroattiva: è un errore?

In quest’articolo vi proponiamo le lettere dei nostri lettori che si trovano ad avere tutti i requisiti per poter richiedere l’indennizzo Indcom, chiamato anche bonus commercianti, ma le loro domande non sono accettate L’indennizzo per chiusura di attività commerciale, previsto nella legge di Bilancio 2019, è stato reso strutturale dal 1° gennaio 2019, lasciando fuori tutti i commercianti che hanno rottamato la licenza nel 2017 e 2018; periodo in cui la misura non era stata prorogata. La circolare Inps attuativa n.  77 del 24 maggio 2019 chiarisce che possono farne richiesta coloro che hanno chiuso l’attività dal 1° gennaio 2019, la norma non è retroattiva, lasciando fuori una grande platea di aventi diritto. 

Pensione anticipata con Indcom dal 2019, restano fuori il 2017 e 2018: l’ennesima ingiustizia

Il nostro intento come redazione sarà quello di diffondere il più possibile le testimonianze dei commercianti beffati da questa norma: non esistono contribuenti di serie “A” e di serie “B”, la legge è uguale per tutti. 

Pensione anticipata per chiusura attività: dopo il danno la beffa, i nuovi esodati

Pensione e indennizzo: non si può morire due volte, la normativa esclude il 2017 e 2018

Cessato attività: ho fatto la domanda a febbraio 2019, ma non è andata a buon fine

Ti scrivo brevemente la mia storia,  ho cessato la mia attività di agente di commercio il 31/12 2016 non avendo 62 anni non potevo fare la domanda, ora che sono cresciuto, ho fatto la domanda a febbraio 2019 ma sembra che per qualcuno non vada bene lo stesso. Questo e tutto ti ringrazio per l’attenzione e per il tuo tempo che dedichi alla situazione ti saluto

Dopo il danno la beffa

ESODATI INDENNIZZO COMMERCIANTI Sono un ex COMMERCIANTE avevo tutti i requisiti tranne l’età perché facevo 57 anni il 6 gennaio 2017 quando si vuol dire la jella… poi arriva la Beffa rimettono l’indennizzo e che fanno? A partire da chi chiude l’attività 2019 possono avere l’indennizzo, escludendo 2017 2018 e una VERGOGNA

Attività di erboristeria nel marzo 2017: spero che la politica rimedi a questa ingiustizia

Ho chiuso la mia erboristeria nel marzo 2017 a 63 anni. Purtroppo, il sindacato mi aveva dato notizie inesatte circa l’indennizzo, se no avrei anticipato la chiusura di qualche mese (ne sarebbero bastati 3). Infatti, nella legge bilancio 2017 l’indennizzo non è stato prorogato. A gennaio di quest’anno mi sono subito interessata per fare domanda, vista la reintroduzione. Ho presentato domanda all’INPS il 20 marzo e ancora non ho avuto risposta. Ma purtroppo la circolare Dell INPS parla chiaro anche se da una interpretazione sbagliata della legge. Spero che la politica rimedi a questa ingiustizia. Grazie

Cessata attività: sono indignata 

Ho cessato l’attività il 27/12/2016 e avevo diritto al contributo ma, per il ritardo della cancellazione dalla Camera di Commercio, dopo essermi concesso dalla sede INPS di competenza, mi è stato sospeso dalla sede di Roma. Dopo circa un anno, non avendo notizie dell’esito della commissione che doveva analizzare il mio caso, il direttore INPS della mia zona cortesemente, pur non essendo suo compito, mi ha fatto un sollecito. L’esito negativo mi è stato inviato circa un mese dopo e da allora ho sperato che venisse riconfermata la legge per la rottamazione delle licenze. Quando ho letto la finanziaria che reintroduce va la legge in modo strutturale, cioè senza scadenza, mi sono recata al caf e ho nuovamente fatto domanda, presentata il 31 gennaio, non ho ancora ricevuto risposta. Sono demoralizzata e molto indignata perché la manina che ha scritto la circolare 77 dell’Inps è del Ministero del lavoro che si vanta del reddito di cittadinanza i cui fondi, in parte, pagano i commercianti (nella circolare è scritto che il contributo della 0,09 per il fondo per la rottamazione delle licenze viene usato solo in parte per questo scopo e il resto?)

Dopo 30 anni di attività ho dovuto chiudere nel 2018: sono fuori dall’Indcom

Sono una ex commerciante di prodotti per l’agricoltura, giardinaggio, cibo per animali. Ho aperto nel lontano 1989 quasi 30 anni di attività. Dopo diversi anni di crisi alla fine ho dovuto chiudere. Ho chiuso ad agosto “2018” a 57 anni. Ora sono chiaramente disoccupata speravo tantissimo in questo indennizzo! Cerchiamo tutti insieme di fare il possibile per cambiare questa ingiustizia

Con la rottamazione delle licenze, avevo i requisiti, ma la circolare dell’Inps ha ribaltato tutto

Eccomi A differenza di molti colleghi esercenti/ commercianti io sono un ex agente di commercio del settore della cartellonistica pubblicitaria. L’azienda che rappresentavo era leader in Italia e negli anni in questo gruppo ho ricoperto anche mansioni di responsabilità. Mi sentivo realizzato e pago degli sforzi fatti per il portafoglio clienti che avevo costituito. Ma purtroppo per me nel 2001 inizio una profonda trasformazione societaria che di fatto rivoltò ruoli e competenze in concomitanza con lo scoppio della crisi generale.

I piccoli e medi commercianti/proprio i colleghi che ora rivendicano l’indennizzo come me iniziarono a ridurre i budget pubblicitari e in un certo senso visto che rappresentavano quasi il 100 x 100 del mio portafoglio contrattuale diedero la mazzata finale alla società che tentò un passo troppo lungo inguaiandosi! Resistetti qualche anno ma alla fine della storia persi tutto! 8 anni fa dovetti reinventarmi nel settore ma fu solo sopravvivenza.

La decisione di cessare l’attività oltre ai costi di gestione deriva anche aziende poco serie che di punto in bianco interrompevano il mandato preferendo gestire i clienti direttamente tramite pochi impiegati diretti! Infine, con il commercialista scopro che negli emendamenti della finanziaria si parlava di reintrodurre la rottamazione licenze che visti i requisiti avrei avuto al compimento dei 62 anni! Prima dell’ultima circolare Inps

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”