Bonus da 1500 euro per 20 milioni di lavoratori: ecco l’ipotesi allo studio

Un nuovo bonus, derivante dalle detrazioni fiscali potrebbe coinvolgere 20 milioni di lavoratori.

Potrebbe arrivare un bonus di 1500 euro l’anno, uno stipendio in più, secondo quanto scrive Repubblica spiegando che c’è già chi stima quanto possa portare, in termini soldi, alle famiglie italiane l’unione del M5S con il PD nel nuovo governo. Un esponente del Pd che sta partecipando in queste ore all’accordo con il Movimento 5Stelle, rivela che anche se non si può dare per scontato nulla, sul cuneo fiscale si sta raggiungendo un buon accordo che poi, attraverso misure apposite, dovrà essere messo in pratica dopo la nascita del nuovo governo.

Ovviamente ogni nuova misura dovrà essere inserita nella nuova legge di Bilancio. L’esecutivo si giocherebbe larga parte del consenso su questo ipotetico bonus di 1500 euro l’anno, visto il potere di acquisto delle famiglie sempre più bassi.

Nel documento congiunto presentato al tavolo del premier Giuseppe Conte una delle esigeze principali è quella di ridurre le tasse sul lavoro cercando, in questo modo, di rilanciare i consumi, gli investimenti e le assunzioni.

In questo caso si bilancerebbe una eventuale introduzione del salario minimo.

Il piano presentato, quindi, fa leva soprattutto sulle detrazioni fiscali che andrebbero, di fatto, ad assorbire anche il bonus 80 euro introdotto dal governo Renzi; le nuove detrazioni fiscali coinvolgerebbero, tra l’altro, fasce di reddito fino ad oggi escluse dal bonus stesso, ovvero gli incapienti sotto gli 8.000 euro (per i quali verrebbe previsto un credito d’imposta) e i lavoratori tra i 26.600 e i 35.000 euro. Con beneficio decrescente anche per i redditi fino a 55mila euro.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Patrizia Del Pidio

Sono attualmente direttrice responsabile della testata online Investireoggi.it e collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it.Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.