Bonus di 513 euro per il pensionamento: la misura è retroattiva, ma non per tutti

Indennizzo commercianti o Bonus di 513 euro, quale ponte per arrivare all’età pensionabile (67 anni): apertura dei termini anche per gli anni 2014/2016.

Indennizzo commercianti chiamato anche “bonus commercianti” di 513 euro come ponte fino all’età pensionabile che attualmente è di 67 anni. Ci sono arrivate molte richieste dei lettori che hanno chiuso l’attività tra il 2014 e il 2016, lamentando il negato diritto alla misura divenuta dal 1° gennaio 2019 definitiva. Esploriamo la normativa di riferimento dando voce ai lettori. 

Bonus 513 euro: domande dei lettori

1) Buongiorno, cortesemente potete aiutarmi? Ho chiuso la mia attività nel 2014, non sapevo si potesse usufruire di una indennità commercianti fino alla pensione, visto che avevo 57 anni. Sto cercando di recuperare tramite l’Inps la mia indennità, ma ancora ad un anno della domanda mi dicono che è in Direzione centrale, e non mi danno nessuna risposta. Cosa posso fare? Sono disoccupata senza pensione. Grazie mille. Cordiali saluti

2) Ho chiuso la mia attività nel 2007 e da allora non ho più lavorato ho 62 anni posso fare richiesta per il bonus

3) Salve, anch’io ho chiuso il negozio nel 2015 e maturato i requisiti nel 2018: la nuova circolare Inps ( 13/01/2020) sembra proprio escludere tali chiusure. Che cosa posso fare? In attesa, Grazie

4) In queste righe voglio provare a raccontare una storiella assurda che per me è diventata un incubo e la storiella dell’ indennizzo commercianti. La legge 147 del 2013 ha ripreso tutte le chiusure avvenute dal 2009, per poi concludersi il 31/12/2016.

Avendo cessato il 31/12/2015 e avendo maturato l’ età il 6/01/2017 ho presentato domanda tramite patronato il 14 /02/2017; domanda rifiutata perché nel 2017 non vi era proroga, quindi per 6 giorni non sono rientrata. La legge numero 145 dal 30/12/2018 con la circolare INPS numero 77 rendeva strutturale l’ indennizzo per le chiusure avvenute dal 01/01/2019; domanda inoltrata e rifiutata.

L’ emendamento del 2/ 11/2019 numero 128 con la recente circolare numero 4/2020 hanno ripreso gli anni 2017 2018 ma solo per le chiusure e di nuovo non vi rientro. Quindi ricapitolando dal 2009 e, per sempre dovrebbero stati ripresi tutti gli anni; ripeto io avendo cessato nel 2015,avendo maturato tutti i requisiti a gennaio 2017 mi domando in quale periodo posso essere collocata? E, come me sul gruppo Facebook ne siamo ancora una trentina di persone. QUALE BUCO NERO CI HA RISUCCHIATO O INGOIATO COME SE NON FOSSIMO MAI ESISTITI ? C’è qualcuno capace di tirarci fuori da questo BUCO ? Ringrazio tutti coloro che provino disappunto per questa vicenda!

Indennizzo commercianti: la normativa

Per poter rispondere alle domande dei nostri lettori bisogna andare a ritroso e rifarci al messaggio Inps n. 4832 del 21 maggio 2014 che comunica la riapertura dei termini per la presentazione delle domande di indennizzo da parte di coloro dei commercianti che hanno chiuso l’attività.

Il messaggio specifica che l’indennizzo è concesso anche ai soggetti che si trovano nel periodo tra il 1° gennaio 2009 e il 31 dicembre 2016”.

Le relative domande potevano essere presentate a partire dal 1°gennaio 2014, fino al 31 gennaio 2017. Sempre nel messaggio al punto 1.1 vengono specificati i destinatari che possono partecipare alla misura. Riportiamo parte integrale del messaggio.

Parte del messaggio Inps n. 4832 del 21 maggio 2014

1. Destinatari

L’articolo 19-ter novellato dalla legge n. 147 del 2013 ha ricompreso, nel periodo per la maturazione dei requisiti per l’indennizzo, anche quello previsto dalla formulazione previgente, che andava dal 1.1.2009 al 31.12.2011.

Pertanto, dal 1° gennaio 2014, possono presentare domanda di indennizzo:

a) coloro che maturano i requisiti per l’indennizzo di cui all’articolo 2 del decreto legislativo n. 207 del 1996 nel periodo 1° gennaio 2012- 31 dicembre 2016;

b) coloro che, pur avendo maturato i requisiti per il diritto alla predetta prestazione ai sensi del previgente articolo 19-ter nel periodo 1° gennaio 2009 – 31 dicembre 2011, non avevano presentato la relativa domanda o gli era stata rigettata perché presentata oltre il termine ultimo del 31 gennaio 2012.

Resta fermo, peraltro, che la decorrenza degli indennizzi concessi ai soggetti di cui alle lett. a) e b) in base alle disposizioni oggetto del presente messaggio, in presenza dei requisiti di legge, non potrà essere antecedente al 1° febbraio 2014, primo giorno del mese successivo all’entrata in vigore della legge.

Bonus come ponte al pensionamento dal 2014 al 2016

Per quanto riguarda requisiti, condizioni di accesso, importo nonché incompatibilità ed utilizzazione dei periodi di erogazione dell’indennizzo ai fini pensionistici, si richiamano le istruzioni fornite con circolari n. 111 del 25 maggio 1996 e n. 20 del 21 gennaio 2002.

Dal 1° gennaio 2019 questa misura è divenuta istituzionale e definitiva, non sarà più soggetta a proroghe e potranno aderire tutti coloro che hanno determinati requisiti. Consigliamo di leggere: Indennizzo per cessazione attività “Bonus di 513 euro”, diventa strutturale, come fare domanda

La prima formulazione della misura aveva lasciato fuori dall’indennizzo gli anni 2017/2018, anni in cui la misura non era stata prorogata, dopo tante peripezie, finalmente la rettifica e la circolare Inps che reintegra, nella fruizione del “bonus di 513 euro”, coloro che hanno cessato l’attività in quegli anni, in modalità retroattiva.

Un nuovo movimento su Facebook si è creato per tutti i commercianti che hanno chiuso l’attività dal 2014 al 2019, che hanno chiuso l’attività nel periodo in cui la misura era in vigore ma non avevano maturato il requisito anagrafico richiesto (attuale 62 anni), quindi chiedono che anche loro possano accedere alla misura con una riapertura dei termini, dando la possibilità ad accedere alla misura come si legge in questa lettera pervenuta da Facebook:

“Buongiorno Angelina, sono una ex agente di commercio che ha chiuso l’attività il 1.07.2014. Come ben saprai è uscita la tanto attesa circolare INPS indennizzo commercianti e si è riaperta la crisi esodati indennizzo 2014 2015 2016 nonostante in quegli anni la legge era aperta e l’indennizzo è diventato strutturale dal 2019, ci hanno escluso considerando solo gli anni 2017 2018 Abbiamo creato un gruppo di protesta ESODATI INDENNIZZO COMMERCIANTI BIENNIO 2014/2016. La platea è ampia di questi anni di chiusura attività che per motivi vari (non avevano le età, o domanda fatta in ritardo ecc. non sono rientrati in questa circolare. Siamo molto INCAZZATI E CI STIAMO ATTIVANDO CON LE FORZE POLITICHE E I MINISTERI PER DARCI ASCOLTO PER RIAMMETTERE NOI ESODATI”.

La situazione è molto diversa dagli anni 2017/2018, in quanto quello era un errore ben chiaro, dovuto ad un passaggio di circolari e decreti, ed anche in questo caso c’è voluto più di un anno per rimettere apposto la situazione.

La situazione del 2014/2016 chiede la riapertura dei termini per tutti.

Il movimento su Facebook è molto attivo, la situazione è complicata e a mio parere difficile.

Risposta alle domande dei lettori

In risposta ai lettori non è possibile accedere alla domanda di indennizzo, se sarà apportata una modificata alla misura attuale vi terremo aggiornati.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”