Bonus di 513 euro per il pensionamento: un errore priva il diritto

Bonus di 513 euro come scivolo pensionistico per arrivare alla pensione di vecchiaia: ecco di cosa si tratta e come riceverlo.

Il bonus commercianti da 513 euro al mese è divenuto strutturale dal 1° gennaio 2019, si tratta della cosiddetta “rottamazione licenze” e permette ai titolari di esercizi commerciali di ottenere dall’Inps un’indennità di indennizzo di 513 euro mensili fino all’età pensionabile per la pensione di vecchiaia. Lo scivolo pensionistico è condizionato alla verifica dei requisiti.

Bonus di 513 euro: requisiti

Questa misura nasce nel 2009, prorogata ogni anno tranne nel 2017 e 2018.  L’Inps ha pubblicato le istruzioni e i chiarimenti per sull’indennizzo per la cessazione dell’attività commerciale con la circolare numero 77 del 24 maggio 2019, escludendo la possibilità retroattiva di accedere alla misura. Quindi è possibile fare domanda solo con i seguenti requisiti:

  • uomini almeno 62 anni di età anagrafica, donne 57 anni;
  • i lavoratori devono essere iscritti, al momento della cessazione dell’attività, da almeno cinque anni, anche non continuativi, alla Gestione dei contributi previdenziale degli esercenti attività commerciali;
  • bisogna aver cessato l’attività commerciale a decorrere dal 1° gennaio 2019.

Tante le criticità di questa misura che ha tagliato una grande platea di beneficiari. Analizziamo il quesito di un nostro lettore.

Bonus per il pensionamento anticipato con la rottamazione licenze

In data 5 gennaio 2019 ho proceduto alla cancellazione dall’Albo degli Agenti e Rappresentanti di Commercio presso la CCIAA per ottenere i benefici economici di cui alla legge a margine. 

 La cancellazione è avvenuta regolarmente, ma il mio commercialista ha commesso l’errore di indicare come data di cessazione attività il 31 dicembre 2018, anche se la cancellazione effettiva risulta registrata nel corso del mese di gennaio 2019.

Ora mi vedo rigettare la domanda dall’Inps perché secondo le disposizioni di legge sono considerate valide solo le cessazioni effettuate dal 1° gennaio 2019.

È possibile perdere tale beneficio solo per un mero errore di trascrizione della data di cessazione quando, qualora fosse stata indicata come data il giorno successivo al 31/12/2018 cioè 1/01/2019 avrei comunque goduto del beneficio.

In attesa di gentile riscontro, porgo distinti saluti.

Rottamazione licenze: la normativa

A mio avviso non credo che il suo commercialista abbia commesso un errore, in quanto chiudendo l’attività al 31 dicembre 2018 ha chiuso un anno d’imposizione fiscale, se chiudeva il 05 gennaio 2019, avrebbe avuto tutti gli obblighi fiscali di un nuovo anno. Quindi, penso che la decisione sia stata presa in tal senso.

Diversamente è la scelta di aderire al contributo rottamazione licenze come scivolo al raggiungimento dell’età pensionistica di vecchiaia. La circolare Inps che ha creato scompiglio è uscita a maggio di quest’anno e non si prevedeva che la norma non fosse retroattiva, anzi da come potrà leggere in quest’articolo: Bonus commercianti da 513 euro al mese: dal disegno legge alla circolare Inps, qualcosa è andato stortotutto faceva ben sperare che fosse completa anche per gli anni in cui non c’era stata proroga, ed esattamente 2017/2018.

Si spera in una modifica della disposizione attuativa, tante le promesse. Al momento lei non può accedere, ma le consiglio di aspettare, sicuramente ci sarà una revisione e allora lei come tanti commercianti nella sua situazione, potranno aderire.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”