Bonus di 515 euro al mese fino all’età pensionabile in tempi di coronavirus, un diritto per tutti

Bonus di 515 euro al mese fino alla pensione di vecchiaia, in tempi di coronavirus un diritto per tutti nessuno escluso, basta una semplice rettifica.

L’indennizzo commercianti chiamato anche “bonus di 515 euro”, consiste in un assegno di 515 euro mensile fino al raggiungimento dell’età per la pensione di vecchiaia (67 anni) per coloro che chiudono l’attività commerciale. Questa misura è diventata definitiva dal 1° gennaio 2019, all’inizio prevedeva solo coloro che chiudevano l’attività il 1° gennaio 2019, poi successivamente la prestazione è stata integrata includendo anche gli anni 2017/2018. Rimane ancora una falla in questa prestazione “IND COM” che riguarda coloro che per pochi giorni negli anni 2014 -2015 -2016 non sono rientrati.

Ricordiamo che  L’indennizzo è finanziato con l’aliquota del contributo aggiuntivo dello 0,09% ed è concesso nei limiti delle risorse del Fondo istituito nell’ambito della Gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali degli esercenti attività commerciali.

Il M5S presenta l’ODG il 26 febbraio

In merito sono state presentate richieste e il M5S ha chiesto un ampliamento presentando ODG il 26 febbraio 2020 per ampliare la platea dei beneficiari, includendo anche i commercianti del triennio in oggetto (2014-2015-2016).

Indennità commercianti in tempo di coronavirus

In questo periodo unico e catastrofico che sta vivendo l’Italia per l’emergenza del coronavirus, sono state attuate con decreti lampo molte misure, superando ogni tipo di burocrazia.

Sarebbe opportuno, vista anche la precarietà in cui vivono i cittadini costretti a stare in casa e non poter lavorare, di porre fine una volta per tutti alla questione, ampliando la platea dei beneficiari includendo anche gli anni 2014-2015 e 2016, è un diritto acquisito nel tempo e non può essere negato.

Sperando che qualcuno ci pensi, vi riportiamo la lettera che ci ha scritto una nostra lettrice

Bonus di 515 euro: un diritto negato e io non ho di cui vivere

Lo so che è un momento triste ma vi prego battete ancora a fare qualche articolo per arrivare all’ obbiettivo di prendere sto benedetto indennizzo commercianti per vivere, visto che ora come ora oltre all’ età per non poter lavorare siamo bloccati in casa senza riscaldamento e senza soldi, per comprare cose da mangiare, io da oggi lo dico a voi e anche su Facebook visto che non ho soldi, mi accendo lo stesso il riscaldamento….

con le 500 euro d’ invalidità di mio marito e più 100 euro di reddito di cittadinanza vado a comprare da mangiare, e DICOOOO pubblicamente che da oggi non pago più le bollette, una persona disperata che mi riscaldo tutti i giorni sotto le coperte, questo da prima del coronavirus, grazie per lo sfogo,

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.
Se anche tu vuoi scrivere la tua opinione su qualsiasi argomento scrivi a notizieora.it@gmail.com
La tua lettera sarà vagliata dalla redazione e, se ritenuta idonea, pubblicata.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”