Bonus e contanti: 10 novità da luglio a dicembre 2020

Bonus e contanti: 10 misure in vigore dal 1° luglio fino a fine anno, una specie di lotteria di difficile applicazione, molte norme non sono state ancora approvate.

Bonus e contanti, sono dieci le novità in partenza dal 1° luglio e fine a fine anno. Il 1° luglio tantissime novità che interessano stipendi, pagamento in contanti, auto aziendali e lavori di ristrutturazione casa. Tante novità e alcune di difficile applicazione perché a due giorni dall’ingresso in vigore, mancano le istruzioni.

Bonus e contanti: incertezza nella normativa

Alcune misure come il bonus casa 110% per interventi di efficientamento energetico e messa in sicurezza dell’edificio attendono ancora la conversione in legge. Il Superbonus casa 110% scatta il 1° luglio ma alcuni aspetti critici e di difficile interpretazione del decreto, potrebbero cambiare. Lo stesso discorso è per gli assegni familiari con il rinnovo 2020-2021 da chiedere online sempre il 1° luglio 2020, ma saranno superati dal Family act che prevede un assegno unico per ogni figlio fino alla maggiore età. In questa confusione burocratica si rischia di commettere errori, in forte crisi gli addetti ai lavori (commercialisti e consulenti del lavoro) che sono provati dai continui cambiamenti, di norme non efficaci e soprattutto dell’instabilità del sistema, che cambia regole giorno per giorno. 

Dal 1° luglio scatta il limite del contante

Il limite per effettuare pagamenti in contanti fra due giorni passa da euro 3.000 a euro 2.000 per poi subire un’altra modifica al 1° gennaio 2022 per arrivare a euro 1.000. 

Questa riduzione del pagamento in contanti è stata inserita per combattere l’evasione fiscale e il riciclaggio di denaro. Con la discesa del limite di pagamento in contanti, scendono anche le sazioni per chi non rispetta le regole da parte del Fisco

Le sanzioni scattano se si supera la sogli di tutti i pagamenti per acquisto di beni e di servizi, i limiti valgono per tutti i soggetti privati o forme giuridiche. Se bisogna fare pagamenti superiori a 2.000 euro, bisogna utilizzare mezzi tracciabili: bonifici, assegni, carte di pagamento, ecc. 

Escluso dalla violazione l’imprenditore (persona fisica) che preleva utili dalla ditta individuale o nel caso in cui versi denaro sul conto corrente per finanziare la sua attività. 

Contante: il nuovo limite di 2.000 euro dal 1° luglio 2020 con sanzioni salate, desta molte preoccupazioni


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”