Bonus figli decreto aprile: nucleo familiare ai fini Isee, quale si prende in considerazione?

Per richiedere il bonus figli fino a 14 anni è necessario presentare Isee: quali componenti della famiglia bisogna considerare nella dichiarazione?

Nel decreto di aprile dovrebbe essere contenuto il cosiddetto bonus figli, per le famiglie con minori fino a 14 anni di età. L’importo del bonus, ovviamente, non sarà uguale per tutti ma sarà calcolato in base all’Isee del nucleo familiare con importi che variano da 160 euro, per famiglie con Isee fino a 7mila euro, 120 euro, per Isee fino a 40mila euro, ed infine da 80 euro per tutte le famiglie con reddito superiore ai 40mila euro.

Ovviamente per richiedere l’assegno per i figli sarà necessario presentare l’Isee (in mancanza di presentazione, probabilmente, spetterà il bonus di 80 euro valido per tutte le famiglie anche con redditi alti). Quali sono le persone da considerare nel nucleo familiare ai fini Isee? Cerchiamo di capirlo.

Bonus figli e Isee

Una nostra lettrice ci scrive: 

Buonasera,
 
Ho un dubbio: 
Sono legalmente divorziata, ma ho residenza presso casa dei miei genitori (sia io che mia figlia) ai fini ANF, non fanno parte del mio nucleo fiscale vero?

Invece, a fini ISEE come funziona? Devo dichiarare anche il loro reddito? Vorrei fare la domanda per ricevere i soldi per i figli del decreto aprile se uscirà. 
Grazie in anticipo,

Nella dichiarazione Isee vanno indicati i redditi e i beni di ogni componente del nucleo familiare. Per questo è molto importante stabilire, ai fini Isee, quali sono le persone che rientrano nel nucleo familiare.

Ai fini Isee il nucleo familiare rilevante è quello che risulta dal nucleo anagrafico (il cosiddetto stato di famiglia). Purtroppo, quindi, se convive con i suoi genitori facendo parte dello stesso stato di famiglia, nella dichiarazione Isee devono essere indicati i redditi e i patrimoni anche dei suoi genitori.

Discorso diverso, invece, per gli assegni al nucleo familiare: il nucleo familiare ai fini ANF è composto solo da genitori, figli e minori a carico e non dalla famiglia anagrafica risultante dallo stato di famiglia (lo dimostra anche il fatto che un figlio maggiorenne, anche se convivente, esce dal nucleo familiare ai fini ANF).

Nel caso specifico, quindi, deve indicare i redditi e i patrimoni dei suoi genitori visto che, avendo la residenza con loro, siete nello stesso stato di famiglia.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.