Bonus luglio in busta paga fino a 100 euro: quanto spetterà in base al reddito?

Arriva tra poco meno di 2 mesi il bonus luglio che porterà fino a 100 euro in più nelle buste paga dei lavoratori dipendenti. Vediamo a chi spetterà ed in che misura.

Con i media concentrati sull’emergenza sanitaria da coronavirus non si era più parlato del bonus luglio in busta paga, la misura portata dalla Legge di Bilancio 2020 che estende in bonus Irpef di 80 euro (conosciuto come bonus Renzi) che proprio la luglio 2020 dovrebbe cambiare veste e comprendere una platea molto più ampia di lavoratori. Nonostante la crisi economica nessuno ha messo in discussione la misura che ha lo scopo di apportare un taglio al cuneo fiscale per i lavoratori dipendenti e che, quindi, sarà operativa fra poco meno di 2 mesi.

Bonus luglio buste paga più alte

Il bonus fino a 100 euro scatterà a partire dal mese di luglio 2020 e riguarderà una pltea molto ampia di lavoratori e si azzererà solo per coloro che hanno redditi dai 40mila in su. Ma coinvolgerà anche coloro che, avendo redditi superiori ai 26mila euro, fino ad ora non hanno mai percepito il bonus Renzi da 80 euro.

Per alcuni lavoratori  il vantaggio fiscale può essere fino a 100 euro. Ma cerchiamo di capire come funzionerà il bonus, chi riguarderà e soprattutto di quanto inciderà.

Innanzitutto sottolineiamo che chi ha un reddito fino a 28mila euro riceverà il bonus direttamente in busta paga (Come già avveniva con il bonus Renzi) mentre per chi ha un reddito maggiore potrà godere di una detrazione fiscale che decresce con l’aumentare del reddito.

Dalla misura originale restano esclusi colodo che sono considerati incapienti, ovvero chi percepisce un reddito fino a 8173 euro e si trova, quindi nella No Tax Area. Sta circolando, però, l’ipotesi che il decreto Rilancio possa ricomprendere nel bonus anche gli incapienti (se il minor reddito è stato prodotto a causa dell’emergenza sanitaria).

Bonus 100 euro in busta paga: quali importi?

Tenendo presente quanto contenuto nella misura originale, e non considerando le possibili correzioni che potrebbe portare in favore degli incapienti il DL Rilancio, vediamo gli importi spettanti in base alla fascia di reddito.

Per redditi da 8174 a 24.600 euro spetteranno 100 euro. Per questi redditi che già percepivano il bonus Renzi intero il vantaggio effettivo sarà di soli 20 euro mensili

Per redditi da 24600 a 28000 euro spetteranno comunqiu 100 euro al mese ma per e il vantaggio, per i redditi di importo superiore ai 26.000 (cifra giunti alla quale il bonus Renzi si azzerava) il vantaggio sarà, appunto di 100 euro.

Per redditi da 28000 a 29000 euro spetterà un beneficio annuo di 1166 euro, pari poco più di 97 euro al mese.

Per redditi da 29000 a 30000 euro spetterà un beneficio annuo di 1131 euro, pari poco più di 94 euro al mese.

Per redditi da 30000 a 31000 euro spetterà un beneficio annuo di 1097 euro, pari poco più di 91 euro al mese.

Per redditi da 31000 a 32000 euro spetterà un beneficio annuo di 1063 euro, pari poco più di 88 euro al mese.

Per redditi da 32000 a 33000 euro spetterà un beneficio annuo di 1029 euro, pari poco più di 85 euro al mese.

Per redditi da 33000 a 34000 euro spetterà un beneficio annuo di 994 euro, pari poco più di 82 euro al mese.

Per redditi da 34000 a 35000 euro spetterà un beneficio annuo di 960 euro, pari ad 80 euro al mese.

Per redditi da 35000 a 36000 euro spetterà un beneficio annuo di 768 euro, pari poco più di 64 euro al mese.

Per redditi da 36000 a 37000 euro spetterà un beneficio annuo di 576 euro, pari poco più di 48 euro al mese.

Per redditi da 37000 a 38000 euro spetterà un beneficio annuo di 384 euro, pari poco più di 32 euro al mese.

Per redditi da 38000 a 39000 euro spetterà un beneficio annuo di 192 euro, pari a 16 euro al mese.

A 40mila euro di reddito il bonus si azzera.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.