Bonus pavimenti 2019: quando è possibile richiederlo? Ecco tutte le novità

Con il bonus ristrutturazione è possibile ottenere anche il bonus pavimenti. Ecco tutte le novità

È stato stabilito con l’Ecobonus 2019 che si potrà portare in detrazione anche gli interventi edilizi che riguardano il rifacimento di pavimenti e lo sconto fiscale previsto è del 65%.  L’Agenzia delle Entrate ha precisato che le agevolazioni si possono usufruire per il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici solo nel rispetto dei requisiti di trasmittanza termica stabiliti dal Mise. Tali interventi devono essere eseguiti su strutture già esistenti.

Bonus pavimenti: sconto del 65% con Ecobonus

Per i lavori di pavimentazioni è previsto una detrazione pari al 50% dato che rientrano nei casi di manutenzione ordinaria. Questi lavori dovranno riguardare le parti comuni dei condomini, se si vorrà usufruire dello sconto pari al 50%, previsti dal Bonus ristrutturazioni. In alcuni casi, se rientrano in un progetto di rifacimento più ampio, cioè come in seguito a rotture di tubature o altri tipi di lavori si possono portare detrazione gli interventi effettuati anche nelle abitazioni private. Il tetto massimo è quello di €96.000 previsto dal bonus ristrutturazione. La detrazione va suddivisa in 10 quote annuali di importo uguale.

Bonus pavimenti: sconto al 50% con Bonus ristrutturazioni

Si ha diritto al bonus, anche quanto la sostituzione dei pavimenti è collegata ad un intervento di manutenzione ordinaria. Non rientra nell’agevolazione la sostituzione o il rifacimento dettato da motivi estetici.  Rientrano, invece, nelle agevolazioni la demolizione di tramezzi e la sostituzione di servizi igienici. Bisogna dire che l’acquisto dei pavimenti non può essere detratto con il bonus mobili.

Bonus ristrutturazione edilizia: quali soggetti possono richiederlo

I soggetti che possono far richiesta dell’agevolazione, oltre ai proprietari degli immobili su cui si effettuano i lavori e che ne sostengono le spese, possono essere anche l’inquilino o il comodatario. Quindi hanno diritto alla detrazione, come riporta il sito dell’Agenzia dell’Entrate, anche:

  • il proprietario o il nudo proprietario;
  • il titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie);
  • l’inquilino o il comodatario;
  • i soci di cooperative divise e indivise;
  • i soci delle società semplici;
  • gli imprenditori individuali, per gli immobili che non fanno parte di beni strumentali o merce.

Possono richiedere di beneficiare delle agevolazioni anche i seguenti soggetti, come riportato dall’Agenzia, a patto che sostengano le spese e siano intestatari di bonifici e fatture:

  • il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento (il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado) e il componente dell’unione civile;
  • il coniuge separato assegnatario dell’immobile intestato all’altro coniuge;
  • il convivente more uxorio, non proprietario dell’immobile oggetto degli interventi né titolare di un contratto di comodato, per le spese sostenute a partire dal 1° gennaio 2016.

Il requisito di convivente o comodatario deve esistere dal momento dell’invio della comunicazione di inizio lavori.

Importante segnalane, nel caso in cui si acquisti un immobile su cui sono stati effettuati lavori che rientrano nell’agevolazione, le restanti quote di bonus si trasferiscono all’acquirente in modo automatico, a meno che non ci sia un accordo diverso tra le parti.

Le detrazioni possono anche essere richieste da chi esegue lavori in economia, ma possono detrarre solo il costo dei materiali utilizzati.

Bonus casa 2019: tutti i chiarimenti sulle novità nella Legge di Bilancio

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.