Bonus Renzi 2020: le novità di luglio da 80 a 100 euro esteso ai redditi di 40.000 euro

Con il taglio del cuneo fiscale i lavoratori che percepivano 80 euro di Bonus Renzi riceveranno 100 euro, non solo rientrano nelle agevolazioni anche i redditi fino a 40.000 euro. Nel dettaglio gli importi degli aumenti.

Bonus Renzi, c’è il via libera sull’aumento, del contributo riconosciuto ai lavoratori dipendenti che da 80 euro scatterà a 100 euro. Il Consiglio dei ministri ha approvato il provvedimento, che per il momento seguirà un periodo di prova di 6 mesi. Il governo per finanziare la misura, ha stanziato una dote finanziaria di circa 2.9 miliari, destinata a coprire il bonus che sarà elargito a 16 milioni di lavoratori da luglio 2020.

In passato tanti lavorati hanno ricevuto un’agevolazione pari a 960 euro annui, conosciuta con il nome di Bonus Renzi, pari a 80 euro mensili finalizzati a incrementare la busta paga. Tuttavia, sempre in passato altrettanti lavoratori lo hanno dovuto restituire, in virtù delle disposizioni  restrittive relative ai requisiti reddituali. Grazie alla novità introdotta nella Legge di Bilancio 2020 con il taglio al cuneo fiscale, il bonus Renzi viene elargito per tutti i lavoratori dipendenti percettori di un reddito complessivo che oscilli da 8.200 fino a 40 mila euro.

Bonus Renzi 2019: aumenti per i redditi fino a 40.000 euro

Dal 1° luglio 2020 fino al 31 dicembre 2020 i lavatori dipendenti riceveranno l’aumento del bonus Renzi che da 80 euro passerà a 100 euro. Non solo, il contributo economico viene esteso fino ai lavoratori che percepiscono un reddito non superiore a 40 mila euro annui. L’attuazione del decreto porterà il contributo anche nelle tasche dei lavoratori che prima non lo percepivano, in quanto percettori di redditi superiori a 26.600 euro.

Quali lavoratori sono esclusi dal Bonus Renzi? Dal provvedimento reso esecutivo dal Consiglio dei ministri, non rientrano i lavoratori incapienti, ossia coloro che percepiscono un reddito che non superi, né si attesti a 8.200 euro.

Bonus Renzi: le fasce di reddito che rientrano nell’aumento

I lavoratori dipendenti riceveranno l’amento in busta paga, in base alle seguenti fasce di reddituali annue, quali:
  • aumento da 80 a 100 euro per i redditi da 8.200 fino a 26.000 euro;
  • 600 euro per i redditi fino a 28.000 euro;
  • 480 euro per i redditi da 28.000 a 35.000 euro;
  • da 400 a fino a zero, con calo graduale per i redditi da 35.000 fino a 40.000.

Tuttavia, i lavoratori che hanno presentato la rinuncia del bonus ai datori di lavoro, possono recuperarlo in fase di dichiarazione dei redditi.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein