Bonus Renzi di 80 euro e cassa integrazione, subisce tagli in busta paga? Le ultime news decreto Rilancio

Bonus Renzi 80 euro in busta paga ed effetti negativi della cassa integrazione Covid-19, il decreto legge Rilancio chiarisce alcuni aspetti.

Il decreto legge ‘Rilancio’ prevede novità anche sul bonus Renzi di 80 euro corrisposto in busta paga e l’effetto della cassa integrazione Covid-19. Il decreto chiarisce che non taglia il bonus Renzi di 80 euro per gli effetti negativi derivanti dalle misure di prevenzione e contenimento della pandemia Covid-19. Analizziamo nel dettaglio cosa prevede il decreto con una breve panoramica sugli aventi diritti del bonus Renzi 80 euro.

Bonus Renzi 80 euro in busta paga: gli aventi diritto

Il bonus Renzi di 80 euro in busta paga viene riconosciuto a tutti i lavoratori sia che lavorano nel settore pubblico sia in quello privato, con un reddito annuo presunto compreso tra gli 8.174 e i 26.600 euro lordi. Il bonus diminuisce per i redditi compresi tra 24.600 e 26.600, fino ad azzerarsi al raggiungimento della soglia massima.

Nello specifico le fasce di reddito e il bonus 80 euro sono così suddivise:

  • spetta per 960 euro annuali per reddito complessivo lordo fino ai 24.600,00 euro;
  • è ridimensionato in base al reddito compreso tra i 24.600 euro ed i 26.600 euro;
  • non hanno diritto al bonus coloro che hanno redditi superiori ai 26.600 euro e per redditi inferiori agli 8.174 euro.

Per approfondire le novità in vigore dal 1° luglio 2020, consigliamo di consultare: Bonus 100 euro in busta paga, è ufficiale

Decreto Rilancio: effetti cassa integrazione e bonus 80 euro in busta paga

Il decreto legge Rilancio chiarisce che non taglia il Bonus Renzi di 80 euro per effetto della cassa integrazione concessa nel periodo di emergenza sanitaria da Covid-19. Questa situazione investe un numero cospicuo di contribuenti che lo scorso anno ha dichiarato un reddito sotto la soglia di reddito compresa tra gli ottomila e diecimila euro, che si colloca appena sotto la fascia di reddito per gli incapienti.

La normativa stabilisce che al fine di contenere gli effetti negativi derivante dalle misure adottate dal governo di prevenzione e contenimento dell’epidemia da coronavirus, per l’anno 2020 i lavoratori continueranno ad avere diritto al bonus anche se l’imposta lorda calcolata sui redditi da lavoro dipendente sia inferiore alla detrazione spettante (art. 13 comma 1 del Tuir) per effetto delle misure contenute nel D.L. ‘Cura Italia’


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”