Bonus vacanza: codice tributo per utilizzare credito di imposta dal 1 luglio 2020

Arriva il codice tributo per i fornitori del bonus vacanze per utilizzare il credito di imposta in compensazione con modello F24.

Con la risoluzione numero 33 del 25 giugno 2020 l’Agenzia delle entrate stabilisce il codice tributo da utilizzare nell’F24 per fruire del credito di imposta derivante dalla villeggiatura delle famiglie che usufruiscono del Bonus vacanze per trascorrere la villeggiatura in Italia.

Bonus vacanza, cos’è

L’articolo 176 del Decreto Rilancio stabilisce che per le famiglie che decidono di trascorrere le proprie vacanze in Italia un bonus spendibile nelle strutture ricettive.

Il bonus, stabilito in base al numero dei componenti del nucleo familiare e all’Isee dello stesso, è utilizzabile dal 1 luglio al 31 dicembre 2020 per pagare imprese ricettive del turismo, agriturismi, B&B.

L’Isee per accedere al beneficio non deve superare i  40 mila euro e il bonus spetta nella misura di

  • 500 euro per famiglie composte da 3 o più persone
  • 300 euro per coppie
  • 150 euro per single.

Le famiglie potranno utilizzare il bonus in questo modo: l’80% come sconto sul corrispettivo per la struttura ricettiva e nella misura del 20% come detrazione sulla dichiarazione dei redditi 2021.

Per approfondire leggi anche: Bonus vacanze 2020 da 150 a 500 euro: come si richiede?

Bonus famiglie per fornitori

Ma come, i fornitori, recupereranno l’80% di sconto applicato ai clienti?

L’esercente della struttura ricettiva deve confermare, tramite apposita procedura web, l’applicazione dello sconto al cliente e solo dal giorno successivo potrà recuperare l’importo scontato come credito di imposta che potrà utilizzare in compensazione con modello F24.

Il credito di imposta, inoltre può essere ceduto anche a fornitore o a terzi che non siano propri fornitori ma anche ad istituti di credito bancari. Il cessionario potrà utilizzare il credito di imposta con le stesse modalità che avrebbe utilizzato il cedente.

Proprio per questo motivo e per l’imminente arrivo del 1 luglio, data da cui è possibile fruire del bonus vacanze, e per consentire il recupero del credito di imposta, l’Agenzia delle Entrate ha istituito l’apposito codice tributo denominato  “Bonus vacanze – recupero dello sconto praticato da imprese turistico-ricettive, agriturismi,bed&breakfast e del credito ceduto – articolo 176 del decreto-legge 19 maggio 2020, , n. 34”. Il codice da utilizzare è “6915” nella sezione Erario. Il credito andrà riportato nella colonna di “importi a credito compensati” indicando nel campo “anno di riferimento” il 2020.

Invitiamo a leggere anche:

Bonus vacanze: bisogna verificare lo sconto sul sito dell’Agenzia


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.