Bonus 600 euro INPS, rinnovo 24 mesi anziani e disabili: requisiti e chi ha diritto

Autore:
Niccolò Mencucci
11/02/2023

Bonus 600 euro INPS, rinnovo 24 mesi anziani e disabili: requisiti e chi ha diritto

Scatta il rinnovo del bonus da 600 euro previsto per alcune categorie sociali. Si tratta di un supporto economico perfetto per chi si trova in difficoltà economiche, soprattutto a causa dei rincari dovuti all’inflazione.

Purtroppo non è un bonus che spetta quasi a tutti, ma solo ad alcuni, e solo se si rispettano una serie di requisiti. Vediamo meglio come funziona il bonus 600 euro, e quali documenti bisogna richiedere all’INPS.

Bonus 600 euro INPS, rinnovo 24 mesi anziani e disabili

Di recente è stato autorizzato il rinnovo del bonus 600 euro, un sussidio mensile che durerà almeno due anni, secondo quanto disposto dagli enti di riferimento.

Il bonus sarà richiesto per procedere alla copertura di tutti i servizi necessari per la cura delle persone in difficoltà, sia economia, sia medica.

Questo bonus potrà essere speso solo per questi servizi:

  • pagamento dell’assistenza a favore di una persona anziana o disabile non autosufficiente,
  • pagamento dei servizi residenziali (OSS),
  • supporto al pagamento dei servizi domiciliari, nella figura di badanti, infermieri, educatori…

Bonus 600 euro INPS, chi ne ha diritto

Come nel caso del bonus bollette 2023, questo bonus 600 euro è riservato a tutti coloro che sono anziani o sofferenti di una qualche disabilità.

Per la precisione, sarà presi in considerazione solo le persone anziane sottoposte a cure residenziali e/o domiciliari, oppure le persone affette da disabilità media, grave o non autosufficienti.

Proprio per le cure residenziali, il bonus 600 euro potrà essere usato anche per pagare le rette delle strutture o dei servizi a domicilio.

Questo è quanto disposto al momento dalla Regione Piemonte, nell’ambito della campagna per il voucher “Scelta sociale”, grazie ad un finanziamento di 90 milioni di euro.

Bonus 600 euro INPS: come fare domanda

Si potrà fare domanda del bonus 600 euro al momento solo col sito della Regione, accedendo alla piattaforma istituzionale creata appositamente.

Potranno fare domanda soltanto i soggetti beneficiari. Nel caso di persone diversamente abili o incapaci di provvedere alla compilazione della domanda, potranno procedere alla richiesta anche le persone che di loro si prendono cura, quali:

  • genitori,
  • figli,
  • coniuge,
  • tutori,
  • parenti di primo grado,
  • membri del nucleo familiare.

Per accedere ai servizi della Regione occorrerà essere in possesso di SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), facilmente richiedibile presso un qualsiasi provider di servizi (es. Poste Italiane), dietro pagamento una tantum.


Leggi anche: Rottamazione 2023, pignoramento sospeso con domanda adesione: come funziona e che succede

La Regione Piemonte ha disposto per l’erogazione l’accesso a due bandi:

  • Buono Residenzialità, per richiedere i supporti residenziali,
  • Buono Domiciliarietà, per richiedere i supporti domiciliari.

Bonus 600 euro INPS, quali requisiti servono

Anche nel caso del bonus 600 euro, bisognerà fare richiesta dell’attestazione ISEE in corso di validità. Da metà gennaio è possibile provvedere alla compilazione dell’attestazione, attraverso i seguenti canali:

  • Centro di Assistenza Fiscale,
  • Patronato Locale,
  • Uffici Comunali adibiti.

Si potrebbe fare richiesta anche online, accedendo al servizio ISEE precompilato INPS. I dati sono già inseriti dalle rispettive banche dati dell’Agenzia delle Entrate e dell’INPS, basterà solo fare accesso e procedere alla conferma dei dati attraverso uno dei tre strumenti di identificazione digitale: SPID, CIE, CNS.

Nel caso specifico del bonus 600 euro, il richiedente dovrà fare richiesta non dell’ISEE ordinario, valido per tutti i bonus, ma dell’ISEE socio-sanitario, ovvero quello specifico se si richiedono agevolazioni e supporti per disabili o soggetti non autosufficienti.

Infatti le assegnazioni saranno legate all’ISEE socio-sanitario e alla priorità per punteggio sociale secondo le valutazioni delle unità socio-sanitarie competenti. Per rientrare all’interno del beneficio, il richiedente dovrà avere un ISEE non superiore a 50mila euro. Si potrà beneficiare di una soglia più alta, fino a 65mila euro, ma solo in caso di disabile minorenne.

Ricordiamo che per fare domanda del bonus 600 euro c’è tempo fino al 31 dicembre 2023, e che il beneficio avrà una durata massima di 24 mesi.