In arrivo bonus energia da 180 euro, ma solo per pochi fortunati

-
16/01/2023

In arrivo bonus energia da 180 euro, ma solo per pochi fortunati

In arrivo il bonus energia da 180 euro, una misura in più per tutte le famiglie. Ecco come richiedere il nuovo sconto per le bollette energetiche, necessario in vista dei nuovi aumenti già segnalati dall’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente ARERA.

Vediamo meglio quali sono i requisiti necessari per poterlo avere prima della data di scadenza.

In arrivo bonus energia da 180 euro, ma solo per pochi fortunati

Il bonus energia da 180 euro è una misura di supporto per tutte le famiglie che si ritrovano a dover fronteggiare il caro bollette, ormai diventato un problema insormontabile per un sacco di famiglie italiane.

A inizio 2023 alcuni fortunati cittadini potranno già beneficiare di questo bonus energia da 18 euro. Purtroppo questa misura non è ancora disponibile a livello nazionale, ma solo in alcuni Comuni e Province italiane si potrà richiederlo.

Ad oggi si potrà richiederlo in Trentino, per la precisione presso la provincia autonoma di Trento. Si chiama infatti bonus energia provinciale, e sarà disponibile per le famiglie trentine che rispetteranno una serie di requisiti precisi.

Bonus energia 180 euro: quali sono i requisiti

Per avere il nuovo bonus energia da 180 euro bisognerà essere residenti presso la Provincia Autonoma di Trento, e di essere cliente presso uno dei seguenti servizi di fornitura energetica locale. Sono più di una ventina le aziende aderenti, le più importanti sono:

  • Dolomiti Energia,
  • A.C.S.M. Trading Unipersonale,
  • CH4 Alps,
  • Consorzio elettrico industriale di Stenico,
  • Edison Energia,
  • Illumia,
  • Egea Commerciale.

A conti fatti, il bonus energia da 180 euro andrà a oltre 137.000 beneficiari, che potranno godere di una fatturazione scontata fino a 180 euro sulle proprie bollette di luce e gas.

Tra le aziende partecipanti a questo bonus, come precisa lo stesso presidente della Provincia Autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, ci sono anche titolari “di utenze elettriche ad uso domestico di tipo residente, con potenza installata fino a 6,6 chilowatt presenti sul territorio provinciale.”

Previste in futuro anche altre adesioni importanti, per esempio con Enel, Eni, Plenitude, Alperia ed altri operatori del settore dell’energia.

Leggi anche: Energia elettrica, mercato libero o tutelato: cosa conviene

Data di scadenza del bonus

Sul bonus energia da 180 euro la data di scadenza per richiederlo è entro quest’anno, ma già chi è cliente di una delle sopracitate compagnie energetiche potrà beneficiare di questo sconto extra sulla propria bolletta energetica.


Leggi anche: Concorsi pubblici 2023, 40.000 assunzioni per Trenitalia: come essere assunti, quanto si guadagna, che diploma serve, quando scade

Infatti, a partire dalla prossima bolletta, una grande quantità di utenti troverà lo sconto in bolletta. Al momento lo sconto sarà automatico, sulla bolletta, pertanto saranno le compagnie a beneficiare direttamente del bonus.

Per questo intervento sono stati stanziati 40 milioni di euro, e si parla ad occhio di almeno 25 milioni di euro solo per coprire lo sconto a oltre 137mila utenze.

Inevitabile sarà un eventuale proroga o rifinanziamento, anche perché lo stesso Provincia Autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, vuole puntare ad una platea più estesa.

“[…] ad ottenere la più ampia adesione possibile da parte degli operatori sul mercato dell’energia elettrica, per soddisfare al meglio l’interesse pubblico dell’intervento e raggiungere il maggior numero di famiglie”.

Leggi anche: Bonus Enel, cos’è e come funziona lo sconto bollette 

Altri bonus bollette in arrivo dal 2023

Se non sei tra i pochi fortunati che potranno avere il bonus energia da 180 euro, puoi sempre richiedere il bonus bollette 2023, una misura nazionale destinata a tutti coloro che hanno i seguenti requisiti:

  • attestazione ISEE inferiore a 15.000 euro,
  • titolarità delle bollette energetiche da parte di uno dei membri del nucleo familiare.

È prevista sia per chi ha problemi economici, sia per chi ha problemi fisici. In tal caso, l’attestazione ISEE non è necessaria: basterà solo presentare il certificato ASL e una serie di documenti sui consumi domestici.

Leggi anche: Bonus bollette 2023, nuovi requisiti e soglia ISEE: ecco quali