INPS, date pagamenti Marzo dal 1 al 15: Pensioni, NASpI, Bonus 150, RdC

Autore:
Valentina Simonetti
28/02/2023

INPS, date pagamenti Marzo dal 1 al 15: Pensioni, NASpI, Bonus 150, RdC

INPS, iniziano le disposizioni di pagamento per i titolari di varie indennità e sussidi in corso a marzo 2023. Dal 1 al 15 calendario ricco di appuntamenti a cominciare dai pensionati e a seguire Naspi con accredito bonus 150 euro, e prima ricarica reddito di cittadinanza per nuovi percettori. Vediamo tutte le date previste.

INPS, pagamento pensioni marzo: calendario

A partire dal 1 marzo saranno pagate le indennità di pensione per tutti i titolari. Versamenti su conto corrente postale e su altre banche con valuta giorno 1 per tutti quelli che hanno l’accredito tramite IBAN. Per tutti gli altri che dovranno recarsi presso gli sportelli postali a ritirare i contanti invece si seguirà un calendario differenziato per iniziali cognome che arriverà fino al giorno martedì 7 marzo.

1 marzo dalla A alla C

2 marzo dalla C alla D

3 marzo dalla E alla K

4 marzo dalla L alla O (pagamenti solo al mattino)

6 marzo dalla P alla R

7 marzo dall S alla Z

Gli importi della pensione saranno compresi di maggiorazioni previste dal governo per adeguamento all’inflazione. Pertanto tutti potranno controllare l’accredito degli arretrati da gennaio a marzo, ed anche quale sarà il nuovo importo ogni mese. Il servizio di cedolino online INPS è già disponibile in area riservata per chi è titolare del trattamento previdenziale.


Leggi anche: Pensioni INPS 2023, erogato cedolino Aprile e trattenute su IRPEF: date e importi

Pagamenti bonus 150 euro e 200 euro a marzo: nuove date INPS

Anche per chi ancora deve avere l’accredito del bonus da 150 euro, riservato a disoccupati e lavoratori autonomi e collaboratori co.co.co sono state previste nuove date a marzo. Questo per chi a causa dei ritardi accumulati dall’istituto di previdenza sta ancora attendendo il pagamento del contributo contro il caro vita.

Oltre alle categorie di disoccupati e lavoratori atipici per i quali era prevista l’erogazione, ci saranno altri lavoratori ammessi al pagamento. Si tratta di chi inizialmente era stato escluso dal bonus ma poi riammesso in automatico, ma anche per chi aveva fatto domanda per ottenere l’importo una tantum da 200 euro inizialmente respinta.

Per chi ha trovato l’istanza di riesame in stato “accolta“, seguirà disposizone di pagamento. Per tutti i versamenti INPS o in conto corrente o con bonifico domiciliato sono previsti tra il 1 ed il 15 in base a date differenziate a seconda del soggetto.

Naspi marzo 2023: date pagamenti disoccupazione

Per l’indennità di disoccupazione Naspi, la data ordinaria dei pagamenti INPS è tra l’8 ed il 16 marzo. Questo calendario riguarda non chi ha fatto domanda per la prima volta, ma chi ha già i versamenti in corso.

Quindi si presume che anche i soggetti interessati dai ritardi nelle disposizioni, che si sono verificati a febbraio, potranno riallineare i pagamenti ricevendo anche le quote arretrate. Come è stato comunicato dall’Istituto però, è necessario che nel frattempo i disoccupati abbiano inviato modello Naspi-com. Per comunicare il reddito presunto per l’anno in corso. Questa procedura è obbligatoria per sbloccare la disoccupazione sospesa in attesa di comunicazioni.

Ricarica Rdc INPS: prima data a marzo

Per la ricarica Reddito di Cittadinanza di metà mese, e cioè quella che interessa tutti i nuovi beneficiari che hanno fatto domanda a fine gennaio ed inizio febbraio, la data sarà quella di mercoledì 15 marzo.


Potrebbe interessarti: Superbonus 110, banche a rischio e crediti congelati? Cosa succede in caso di truffa e chi paga

Prima del pagamento è necessario controllare che la richiesta per il sussidio sia stata accolta, e per farlo si può andare a verificare nel proprio fascicolo previdenziale alla sezione RdC. Non sempre infatti INPS invia l’sms di notifica .

In caso di esito positivo, per i rinnovi dopo 18 mesi, e per le nuove domande, si deve andare presso uno sportello postale a ritirare la card.  Già pronta per l’utilizzo e con ricarica accreditata. Per farlo bisogna portare un documento di riconoscimento e presentare il numero di protocollo assegnato alla domanda Rdc accolta.