BTp Italia 2020: super offerta per Coronavirus, durata 4 e 8 anni

L’Esecutivo preannuncia i BTp Italia 2020 emessi a maggio, un’offerta senza limite nata per fronteggiare l’emergenza da Covid-19.

L’Esecutivo ha preannunciato l’ingresso dei BTp Italia, un’offerta senza limite nata per fronteggiare l’emergenza sanitaria ed economica da Covid-19. Il Tesoro collocherà l’offerta nel periodo corrispondente tra il 18 e il 20 maggio 2020. Mentre, il 21 è prevista l’usuale coda per gli investitori istituzionali. In tutto 3 giorni pieni, senza il vincolo legato al limite dell’offerta e senza la chiusura anticipata.

BTp Italia: il preavviso della collocazione

La comunicazione (in forte anticipo) dell’ingresso dei BTp Italia è giunta dal MEF. Una notizia divulgata in forma di preavviso, (forse) tenendo conto della prossima scadenza da calendario. Infatti, alla data del 23 aprile 2020 è attesa la scadenza dei Btp Italia emessi nel 2014. Ciò significa che i risparmiatori disporranno di una maggiore dote liquida da poter rinvestire. Questo potrebbe essere il primo motivo per cui il Tesoro attraverso una comunicazione repentina punti a diffondere i dati dell’offerta. In un momento in cui il funzionamento degli istituti di credito è limitato per effetto del lockdown.

Tuttavia, la seconda ipotesi, potrebbe affondare le radici in questioni più concrete. Infatti, ci si aspetta che entro il 18 maggio 2020 (salvo proroghe) venga pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, diventano operativo il successivo decreto anticrisi.

I tecnici del Dipartimento delle finanze stanno lavorando per ampliare l’aumento dell’investimento in Btp Italia, attraverso la creazione di un appeal che funga da richiamo anche sul piano fiscale di collocamento di titolo di Stato. Si cerca di ricreare quel ponte che legava le famiglie ai BTp, ripristinando una sorta di argine a fronte dei rischi finanziari legati al debito italiano.

La riconquista delle famiglie e piccoli investitori

Il ministero dell’Economica sta operando al fine di riconquistare le famiglie e i piccoli investitori, facendo rifiorire quel legame ai Buoni del Tesoro. Per questo motivo, i BTp Italia saranno messi in campo come leva tra l’indicizzazione alla cedola secca, passando per il premio fedeltà. Diretti agli investitori che non anticipano il rimborso, ma mantengono stabile il titolo nel portafoglio aspettando la data di scadenza.

Per la durata dei BTp, dobbiamo rapportarci alle Linee guida (dicembre), che riportano un investimento collocato in un periodo tra i 4 e 8 anni. Tuttavia, per maggiori specifiche bisognerà attendere la vigilia dell’emissione dei titoli di Stato.

Molto probabilmente, il Tesoro introdurrà nel corso del tempo altri titoli di Stato per consentire l’ingresso ai piccoli investitori, l’ipotesi punterebbe  all’immissione di titoli riprodotti durante l’anno, mantenendo la casistica dei bon classici.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein