Buco dell’ozono: la sua chiusura sta modificando l’atmosfera

Il buco dell’ozono si sta chiudendo e sta portando modifiche all’atmosfera.

In base agli accordi siglati nel 1987 a Montreal, in cui si riduceva in modo sostanziale l’emissione di clorofluorocarburi, lo strato di ozono nell’atmosfera si sta modificando, così da provocare cambiamenti nella circolazione atmosferica e nei venti.

Il buco dell’ozono si sta chiudendo e l’atmosfera si sta modificando

Non è ancora del tutto guarito, ma il buco dell’ozono nei cieli dell’Antartide si sta chiudendo: è una buona notizia per ora, anche se, per completarsi, ci vorrà ancora qualche decina di anni. Secondo alcuni scienziati del Colorado si stanno iniziando a vedere i primi risultati: infatti questa progressiva chiusura del buco dell’ozono sta facendo cambiare la circolazione atmosferica.

Un gruppo di studiosi ha cercato di capire se lo strato di ozono andasse ad influenzare i venti atmosferici e per fare questo sono dovuti ritornare a due eventi del passato. In particolare hanno considerato quando una serie di correnti d’aria si è spostata verso il Polo Sud e quando un altro flusso tropicale è diventato più spesso e più forte.

Entrambi i fenomeni si sono prima arrestati e poi invertiti, effetto, secondo la scienza, dovuto alla chiusura del buco nell’ozono. Questa situazione, a sua volta, va ad incidere e a cambiare la temperatura atmosferica e la quantità delle precipitazioni.

Degli scienziati avevano già avuto degli altri segni che il buco dell’ozono stesse recuperando e da qui ci sarà uno studio che servirà a fare passi successivi, per stimare anche quando si inizieranno a vedere degli effetti anche sul recupero del clima.

La questione non è facile da seguire: è importante capire che i cambiamenti climatici possono dipendere dall’emissione di anidride carbonica oppure sono legati al recupero dello strato dell’ozono, che durerà ancora molti anni.

Gli studiosi, poi, hanno affermato che l’ispessimento dello strato di ozono si presenta a velocità diverse alle varie latitudini. Secondo le previsioni degli studiosi il buco dell’ozono in Antartide non si chiuderà se non prima del 2060.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp