Buoni fruttiferi postali: ecco quali scegliere

Buoni fruttiferi postali: Poste Italiane ha una vasta scelta di buoni, vediamo le loro caratteristiche per scegliere quello idoneo per i nostri figli

Investire oggi i nostri soldi in strumenti di investimento che ti rendono importi soddisfacenti e sicurezza è molto difficile trovare questo connubio. Solo Poste Italiane offre strumenti di investimento, come i buoni fruttiferi,  che racchiudono tutte le caratteristiche che un investitore ricerca, serietà, affidabilità, chiarezza e trasparenza.

Uno degli strumenti di investimento più conosciuti di Poste Italiane sono i Buoni Fruttiferi postali, poiché si possono ritenere a tutt’oggi uno degli strumenti di risparmio ancora molto conveniente nel panorama finanziario attuale. I buoni fruttiferi postali sono titoli di risparmio garantito dallo Stato, emessi da Cassa Depositi e Prestiti, e collocati sul mercato da Poste Italiane.

Proprio al riguardo dei Buoni Fruttiferi rispondiamo ad un quesito che è giunto in redazione da parte di una gentile lettrice.

Gentilissima dottoressa Di Palo, volevo acquistare dei buoni fruttiferi postali per i miei figli ma non sapendo assolutamente nulla dell’argomento, mi rivolgo a lei per capire quale siano i più convenienti (con scadenza non troppo lunga, diciamo sui 5/6 anni) per poter fare un investimento sicuro. Poi le volevo chiedere: nel caso vi fosse il bisogno di rivenderli prima della scadenza, è meglio prenderli di taglio più piccolo o quelli di taglio maggiore rendono meglio? Ultima domanda, qual è la cifra minima da investire?”

Buoni fruttiferi: quali i più convenienti?

I buoni fruttiferi postali, come abbiamo detto, sono emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti (una Spa controllata a larga maggioranza dal ministero dell’Economia) e garantiti dallo Stato italiano. I Bfp non hanno alcun costo di sottoscrizione, rimborso e gestione.

La tassazione sui rendimenti è agevolata, pari al 12,50%. L’investimento minimo è di appena 50 euro e loro multipli, quindi si può decidere qualunque cifra in denaro da investire. Un altro vantaggio è che non sono soggetti all’imposta di successione

Poste Italiane mette a disposizioni diversi tipi di buoni fruttiferi, in base alla scadenza e al tasso di interessa applicato. Vediamo in linea generali quali sono buoni attualmente disponibili e tenendo presente che le condizioni possono variare nel tempo:

  • Buono ordinario ha una durata di 20 anni, gli interessi maturano al conseguimento del primo anno dopo la sottoscrizione, i tassi di interessi sono fissi e crescenti nel tempo, partono all0 0,05% per il primo anno fino ad arrivare allo 0,90% per il 20 esimo anno.
  • Buono 3×2 ha una durata massima di 6 anni e può essere rimborsato dopo 3 anni, con un rendimento dello 0,25%, mentre al 6° anno rende lo 0,35% annuo;
  • buono 3×4 ha una durata massima di 12 anni e rende fino all’1%. Può essere rimborsato trascorso tre anni e i successivi tre, quindi a 3, 6 e 9 anni, con il rispettivo rendimento 0,30%, 0,70% e 1%;
  • Buono 4×4 ha una durata fino s 16 anni e rende al massimo fino al 1,25% lordo. Ma si può ottenere il rimborso dopo 4,8, 12 e 16 anni con i rispettivi tassi di interesse: 0,25%, 0,60%, 0,90% e 1,25%;
  • Buoni fruttiferi dedicati ai minori hanno la scadenza che coincide con il 18° compleanno del minore e possono rendere fino ad un tasso di interesse del 3% annuo lordo.

Risposta alla nostra lettrice

Nel caso in cui i figli sono ancora minorenni, il miglior investimento sicuramente sono i buoni fruttiferi dedicati ai minori. Poiché rendono un tasso di interesse considerevole rispetto agli altri tipi di buoni. I buoni fruttiferi dedicati ai minori per avere il massimo del rendimento che equivale al 3% bisogna aspettare il 18° anno di età del figlio, ma nulla impedisce di poterli svincolare prima ad un tasso di interesse più basso, ma senza alcuna spesa di rimborso.

Poiché la nostra lettrice ci chiede anche di un buono di scadenza di 5/6 anni in questo caso, se i figli sono maggiorenni, il buono fruttifero più conveniente è il Buono 3×2 che rende alla scadenza lo 0,35% lordo annuo. Anche questi buoni si sottoscrivono senza alcuna spesa e nel caso di rimborso anticipato bisogna aspettare i primi 3 anni per ottenere il minimo del rendimento.

Faccio presente alla lettrice che qualsiasi tipo di buono fruttifero si vuole sottoscrivere non c’è nessun vincolo e si può chiedere il rimborso del capitale investito in qualsiasi momento senza alcuna spesa. Ma bisogna vedere se è possibile richiedere anche gli interessi, ad esempio per i buoni ordinari gli interessi maturano già dal primo anno si sottoscrizione, come per quelli dedicati ai minori. Mentre per i buoni 3×2, 3×4 bisogna attendere il terzo anno dopo la sottoscrizione e per il buono 4×4 il quarto anno.

Se si pensa che la cifra da investire possa essere utile in futuro almeno parzialmente, si possono sottoscrivere anche più buoni dello stesso tipo, o anche diversi, per importi inferiori, in modo da svincolare solo la cifra di cui si necessita. Al riguardo del rendimento, questo non cambia in base all’importo ma in base al tempo per cui si tiene vincolato il capitale.

Infine, tutti i buoni fruttiferi, come abbiamo detto all’inizio dell’articolo, possono essere sottoscritti a partire dalla cifra di 50 euro e multipli.

Buoni Fruttiferi postali nel Piano di Risparmio, cosa sono e a chi sono dedicati


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.