Buoni fruttiferi postali: la ritenuta fiscale viene tolta ogni anno o all’incasso? I chiarimenti

Buoni fruttiferi postali serie Q e dubbi sull’imposizione della ritenuta fiscale, i chiarimenti.

Buoni Fruttiferi postali, un lettore ci pone la seguente domanda: Buongiorno, volevo un chiarimento sui bfp. Il calcolo che fa CDP non è congruo con la tabella riportata a tergo del buono. CDP toglie ogni anno la ritenuta fiscale…. Ma di regola va tolta al momento dell’incasso finale. Potete chiarirmi questo dubbio? Grazie

Buoni fruttiferi postali serie Q

Gentile lettore,

va premesso che per esprimere un parere che sia tale è fondamentale prendere visione dei titoli in Suo possesso.

Tanto precisato, quanto ai buoni ordinari della serie Q emessi a far data dal 01.07.86, le disposizioni in vigore prevedono che Poste Italiane applichi la capitalizzazione annuale degli interessi al netto della ritenuta fiscale per i primi 20 anni di vita del titolo.

Si resta a disposizione per un parere più aderente al caso di specie, per il quale sarà necessario prendere visione dei titoli.

Con i migliori saluti.

Avv. Pierluigi Basile

Studio Legale Basile
via Panebianco, 326 – 87100 Cosenza 

via G. Salvemini, 6 – 88900 Crotone

avv.pierluigibasile@virgilio.it 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Pierluigi Avv. Basile

Dedico particolare attenzione alle tematiche inerenti il diritto bancario, il diritto del lavoro, specie in riferimento ai rapporti di pubblico impiego, il diritto assicurativo e l’infortunistica, la tutela del consumatore, la responsabilità medica, le procedure esecutive e di recupero crediti. Per contatti: Unione Nazionale Consumatori Cosenza Studio Legale Basile - avv.pierluigibasile@virgilio.it - avv.pierluigibasile@pec.it