Buoni fruttiferi Poste Italiane, se si smarrisce il buono cosa fare?

Buoni fruttiferi Poste Italiane, se si smarriscono come chiedere il duplicato? Tutte le informazioni utili.

Quando si smarriscono i buoni fruttiferi di Poste Italiane, è possibile chiedere un duplicato. Infatti, è possibile richiedere il duplicato di Buoni smarriti/sottratti/distrutti previo espletamento della procedura di ammortamento, secondo le norme contenute nella Legge 30 luglio 1951, n. 948.

Buoni fruttiferi, come chiedere il duplicato?

La duplicazione può essere richiesta presso qualunque ufficio postale mediante compilazione e sottoscrizione della denuncia di perdita sulla quale devono essere indicati gli estremi necessari per l’identificazione del Buono e, sommariamente, le circostanze dell’evento nonché, solo in caso di sottrazione, gli estremi della denuncia presentata agli Organi di Pubblica Sicurezza. La richiesta deve essere fatta dall’intestatario o da un suo procuratore (da tutti gli intestatari in caso di Buoni cointestati), nel caso di un intestatario minore di età dai genitori in qualità di esercenti la patria potestà, da tutti gli eredi in caso di titoli caduti in successione.

Avviso / diffida

Secondo la normativa vigente, l’ufficio postale provvede a affiggere nei propri locali aperti al pubblico un “avviso/diffida” per 30 giorni consecutivi nel caso di Buoni dal valore nominale inferiore a 516,46 euro (1.000.000 di lire) o 90 giorni consecutivi nel caso di Buoni dal valore nominale uguale o superiore a 516,46 euro (1.000.000 di lire). Trascorso tale periodo è possibile il rilascio del duplicato. La duplicazione del Buono cartaceo comporta il pagamento di 1,55 euro indipendentemente dal valore nominale dello stesso. 

Leggi anche: Poste Italiane: buoni fruttiferi con rendimenti del 2,85%, 2,25% e 1,50, in base agli anni

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.