Busta paga: ferie pagate sul cedolino? Ecco tutte le novità

Le ferie sono un diritto di un qualsiasi lavoratore dipendente, queste vengono segnalate sulla busta paga quando maturano. Ma quando possono essere sostituite con un’indennità? Ecco tutte le novità

Le ferie sono un diritto di qualsiasi lavoratore dipendente, queste vengono segnalate sulla busta paga quando maturano. Vi sono però degli aspetti non chiari al riguardo della loro retribuzione. Quindi, facciamo un po’ di chiarezza prendendo a riferimento la normativa e la legislazione ad esse riguardanti.

Busta paga: ferie la Costituzione cosa prevede

L’articolo n.36 della Costituzione italiana delucida al riguarda le ferie e ai diritti del lavoratore, precisamente far riferimento alla retribuzione e alla durata dell’attività lavorativa. In esso si evince che il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e ferie annuali retribuite e non può rinunciarvi.

Busta paga: ferie il Codice civile cosa prevede

Articolo n.2109 del codice civile, anche esso riguarda l’argomento delle ferie qui possiamo evincere che il lavoratore ha diritto a un giorno di riposo ogni settimana, di regola coincide con la domenica e inoltre si legge che ha diritto a un periodo annuale di ferie contribuito, che può essere stabilito dall’imprenditore tenuto conto delle esigenze dell’impresa e degli interessi del lavoratore. Inoltre l’articolo n.10 del D.Lgs n. 66/2003 stabilisce che il lavoratore ha diritto a un periodo annuale di ferie retribuite non inferiori a 4 settimane.

Busta paga: ferie non godute vengono retribuite?

Il lavoratore ha, quindi, diritto a delle ferie retribuite e questo diritto non può essere negato dal datore di lavoro. Il periodo è di 4 settimane all’anno e vanno godute entro un certo periodo che non deve superare i 18 mesi. Quindi la legge stabilisce un minimo di 4 settimane di ferie retribuite nel corso dell’anno, 2 possono essere prese durante l’anno di maturazione e le altre due non oltre 18 mesi di maturazione.

Molti lavoratori si pongono spesso la domanda, cosa succede nel caso in cui non si gode delle ferie e se queste vengono poi retribuite. Purtroppo ciò non è possibile, infatti proprio a tal proposito vi è una sentenza della Corte di Giustizia Europea C-619/16, al riguardo del caso di un lavoratore tedesco che non ha voluto godere del periodo di ferie a lui spettante per aver così poi corrisposto un importo economico in cambio. Il datore di lavoro lo aveva più volte sollecitato a consumare le ferie a lui spettanti. La Corte di Giustizia quindi ha sancito che datore di lavoro non è obbligato a pagare le ferie non godute e che di conseguenza le stesse se non godute vengono perse dallo stesso lavoratore.

Ferie non  godute e indennità cosa succede in caso di licenziamento o morte del lavoratore

Busta paga: ferie non godute, l’indennità sostitutiva quando è prevista?

In conclusione, quindi, dobbiamo dire che le ferie rappresentano un diritto al quale un lavoratore non può rinunciare, e le ferie non godute non comportano a un pagamento supplementare. La legge prevede un periodo minimo di 4 settimane ma possono esserci anche delle ferie residue del periodo precedente che potrebbero essere rimpiazzate con un’identità sostitutiva. Questo può accadere, in base all’articolo n.10 del codice legislativo n. 66/2003, quando vi è la fine del rapporto lavorativo. Alla luce di tutte le norme di riferimento le indennità sostitutiva per le ferie non godute spetta solo nei casi di eventuali ferie eccedenti il minimo di 4 settimane annue, nel caso in cui il rapporto di lavoro dovesse terminare prima del godimento delle ferie maturate.

Ferie e ROL, cambiano le regole, in atto nuove variabili, le novità


Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest – Youtube – contattaci su Whatsapp al nuovo numero 3516559380 - inserite questo numero in rubrica e inviarci il seguente messaggio tramite whatsapp: "notizie", vi risponderemo il prima possibile.

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.